Contenuto

6 novembre 2009

TECNICHE DI ABLAZIONE DEL CARCINOMA EPATICO A CONFRONTO

Le percentuali di sopravvivenza sono simili, ma è stata osservata una morbilità più elevata con la resezione chirurgica e un maggiore tasso di recidiva, soprattutto locale, con l’ablazione in radiofrequenza in laparoscopia

La resezione chirurgica (RC) e l’ablazione in radiofrequenza con tecnica laparoscopica (ARFL) sono state esaminate in pazienti con singolo nodulo di epatocarcinoma e cirrosi epatica in classe Child-Pugh A. Quando compatibile con la riserva funzionale epatica, la RC è ancora il trattamento di scelta per l’epatocarcinoma, mentre la ARFL rappresenta un’alternativa meno invasiva e promettente. Epatologi milanesi hanno confrontato le due procedure in relazione agli esiti a breve e lungo termine in 152 pazienti cirrotici selezionati da 372 casi consecutivi di carcinoma epatico. I pazienti con simili caratteristiche basali, arruolati nello studio, sono stati sottoposti a RC (n = 78) o a ARFL (n = 74), sotto controllo ecografico intra-operatorio, e seguiti per una simile durata di tempo (media ± deviazione standard = 36.2 ± 23.5 per RC vs 38.2 ± 28.4 per ARFL). Gli esiti includevano la morbilità a breve e lungo termine, la recidiva del tumore e la sopravvivenza globale. Lo studio pubblicato nella rivista Annals of Surgical Oncology (leggi abstract originale) ha evidenziato una morbilità a breve termine più elevata nel gruppo sottoposto a RC e invece un rischio di recidiva (principalmente locale) dell’epatocarcinoma durante il follow-up più alto nei pazienti trattati con ARFL. I livelli basali di alfa-fetoproteina e la recidiva precoce del tumore (dopo trattamento) hanno influenzato enormemente la sopravvivenza globale, anche se l’uso delle procedure non era indicato quale fattore predittivo. D’altra parte, la recidiva di epatocarcinoma era influenzata dall’approccio chirurgico e dalle caratteristiche ecografiche del tumore. I dati ottenuti da quest’ampia popolazione di casi di epatocarcinoma confermano simili tassi di sopravvivenza dopo entrambe le procedure eseguite su noduli singoli di epatocarcinoma in pazienti con cirrosi epatica in classe Child-Pugh A, malgrado un marcato incremento dei tassi di recidiva del tumore dopo ARFL.


Liver Cancer Newsgroup - Numero 11 - Novembre 2009

Anteprima News

01/08/19

URO-GINECOLOGI: “SI ALL’USO DELLE PROTESI/RETI PER LA CHIRURGIA VAGINALE”

Mauro Cervigni, segretario scientifico AIUG: “Sono dispositivi che non devono essere banditi ma utilizzati in modo corretto. Possono rappresentare un’opportunità positiva per le pazienti”

Milano, 01 agosto 2019 – “Sì all’utilizzo delle protesi/reti (mesh) per il trattamento conservativo del prolasso. Questi dispositivi medici non devono essere banditi e, se usati correttamente,…
22/07/19

TUMORE DEL COLON RETTO: BAYER, BRISTOL-MYERS SQUIBB E ONO PHARMACEUTICAL AVVIANO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE CLINICA PER STUDIARE REGORAFENIB E NIVOLUMAB COME TERAPIA DI COMBINAZIONE

· La combinazione di regorafenib e nivolumab rispetto a regorafenib da solo sarà valutata in pazienti con tumore del colon retto metastatico con microsatelliti stabili
· Le Aziende pianificano uno studio di ricerca dell’indicazione

Milano, 22 luglio 2019 – Bayer, Bristol-Myers Squibb e Ono Pharmaceutical (“Ono”) hanno annunciato di aver avviato un accordo di collaborazione clinica per valutare la combinazione di regorafenib,…
18/07/19

Ipertensione: semplificare la terapia favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

I risultati dello studio Senior Italia FederAnziani presentati al Ministero della Salute

Roma, 18 luglio 2019 – Senior Italia FederAnziani ha monitorato oltre 12.000 anziani attraverso un controllo costante della pressione, costruendo un vero e proprio diario dell’iperteso. Allo studio ha…
11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522