mercoledì, 17 aprile 2024
Medinews
30 Agosto 2021

PROSPETTIVE SUL RUOLO DEL D-MANNOSIO NELLA PREVENZIONE DELLA CISTITE NON COMPLICATA RICORRENTE

Le infezioni del tratto urinario (UTI) sono molto frequenti nelle donne, con un impatto significativo sulle risorse sanitarie. Sebbene gli antibiotici rappresentino ancora il trattamento standard per gestire l’UTI ricorrente (rUTI), il D-mannosio, un monosaccaride inerte che viene metabolizzato ed escreto nelle urine e agisce inibendo l’adesione batterica all’urotelio, rappresenta una promettente strategia di prevenzione non antibiotica. I Proff. Cosimo De Nunzio, Riccardo Bartoletti, Andrea Tubaro, Alchiede Simonato e Vincenzo Ficarra hanno prodotto una revisione narrativa con lo scopo di analizzare criticamente gli studi clinici riportando dati riguardanti l’efficacia e la sicurezza del D-mannosio nella gestione dei rUTI. Il metodo usato è una ricerca bibliografica non sistematica sui database Pubmed, EMBASE, Scopus, Web of science, Cochrane Central Register of Controlled Trials e Cochrane Central Database of Systematic Reviews, eseguita per articoli pertinenti pubblicati tra gennaio 2010 e gennaio 2021. Solo studi clinici, revisioni sistematiche e meta-analisi che riportano dati di efficacia o sicurezza sul D-mannosio rispetto al placebo o ad altri concorrenti sono stati selezionati per la presente revisione, con prove limitate ai dati umani. Gli studi selezionati sono stati organizzati in due categorie in base alla presenza o meno di un concorrente del D-mannosio. Dopo l’esclusione di studi/articoli non pertinenti, sono stati analizzati 13 studi. Sette studi hanno confrontato il D-mannosio con placebo o altri farmaci/integratori alimentari. Sei studi hanno valutato l’efficacia del D-mannosio confrontando i dati di follow-up con il basale. Il D-mannosio è ben tollerato, con pochi eventi avversi segnalati (la diarrea è stata riportata in circa l’8% dei pazienti trattati con 2 g di D-mannosio per almeno 6 mesi). La maggior parte degli studi ha anche dimostrato che il D-mannosio può svolgere un ruolo nella prevenzione o rUTI o UTI associata all’urodinamica e può sovrapporsi ai trattamenti antibiotici in alcuni casi. La possibilità di combinare D-mannosio con polifenoli o Lactobacillus sembra un’altra opzione importante per la profilassi UTI. Tuttavia, la qualità degli studi raccolti era molto bassa, generando, di conseguenza, un debole grado di raccomandazioni come suggerito dalle linee guida internazionali. Mancano ancora dati sulla dose di D-mannosio, sulla frequenza e sulla durata del trattamento. La conclusione del lavoro scientifico è che il D-mannosio da solo o in combinazione con diversi integratori alimentari o Lactobacillus ha un ruolo potenziale nella profilassi non antimicrobica o UTI ricorrente nelle donne. Data la frequente prescrizione nella pratica della vita reale, i ricercatori ritengono che siano necessari ulteriori studi per supportare definitivamente il ruolo del D-mannosio nella gestione delle infezioni del tratto urinario ricorrenti nelle donne.

https://pubmed.ncbi.nlm.nih.gov/33915821/
https://www.ncbi.nlm.nih.gov/pmc/articles/PMC8066587/

TORNA INDIETRO