Medinews
17 Novembre 2014

USO DI MODELLI DI DIAGNOSTICA COMPLEMENTARE NELLE VALUTAZIONI ECONOMICHE DELLE TERAPIE TARGET IN ONCOLOGIA

L’uso affermato di una terapia target è intrinsecamente legato alla capacità della diagnostica complementare di identificare correttamente i pazienti che più probabilmente beneficeranno del trattamento. Scopo dello studio pubblicato sulla rivista Expert Review of Molecular Diagnostics era riesaminare le caratteristiche di diagnostiche complementari che possano essere incluse in una valutazione economica: i diversi approcci per includere queste caratteristiche in valutazioni economiche, basate su modello, sono stati comparati con l’intento di descrivere i metodi pratici migliori. Ricercatori australiani della Monash University di Clayton, Victoria, hanno condotto una revisione sistematica e ‘checklist’ metodologica eseguendo una ricerca su cinque database e website di agenzie governative per identificare valutazioni economiche, basate su modello, che avevano comparato una strategia di diagnostica complementare e di successivo trattamento con una diversa strategia alternativa di trattamento con parametri del modello di sensibilità e specificità della diagnostica complementare (sintesi primaria). Sono state anche identificate le valutazioni economiche che limitavano i parametri del modello per la diagnostica complementare limitate ai costi (sintesi secondaria). La qualità è stata determinata utilizzando lo strumento di Quality of Health Economic Studies: 30 studi sono stati inclusi nella revisione (12 per la sintesi primaria e 18 per la sintesi secondaria). I quozienti incrementali di costo-efficacia potevano essere più bassi quando l’unico parametro di diagnostica complementare incluso in un modello era il costo del test. L’incorporazione dell’accuratezza del test, oltre al suo costo, può rappresentare un approccio metodologico più appropriato. Alterare la prevalenza del biomarcatore genetico, la specifica popolazione testata, il tipo di test, l’accuratezza del test e il momento o la sequenza di test multipli può influire sui risultati globali del modello. L’impatto della variazione della soglia di positività di un test non è noto perché non esaminato in nessuno degli studi inclusi in questa revisione. Criteri addizionali di qualità, come sottolineato nella ‘checklist’ metodologica degli autori, dovrebbero essere considerati per i limiti degli strumenti di valutazione standard della qualità per distinguere gli studi che incorporano importanti caratteristiche correlate al test o meno. Infine, esiste la necessità di migliorare i metodi per incorporare le caratteristiche delle diagnostiche complementari nelle valutazioni economiche basate su modello per assicurare che le decisioni di rimborso siano coerenti e trasparenti.

Modeling companion diagnostics in economic evaluations of targeted oncology therapies: systematic review and methodological checklist. Expert Review of Molecular Diagnostics 2014 Aug 21:1
TORNA INDIETRO