Medinews
14 Settembre 2015

TUMORE DELL’ENDOMETRIO E CONTRACCETTIVI ORALI: META-ANALISI DI 27276 DONNE CON TUMORE DELL’ENDOMETRIO CHE HANNO PARTECIPATO A 36 STUDI EPIDEMIOLOGICI

I contraccettivi orali sono noti ridurre il tasso di incidenza di tumore dell’endometrio, ma non è certo quanto a lungo l’effetto si mantenga dopo la sospensione del loro uso o se sia modificato da altri fattori. Gruppi di singole partecipanti sono stati identificati dai ricercatori del Collaborative Group on Epidemiological Studies on Endometrial Cancer in 36 studi epidemiologici per costituire una popolazione di 27276 pazienti con tumore dell’endometrio (casi) e una di 115743 donne che non presentavano il tumore (controlli). I rischi relativi (RR) di tumore dell’endometrio associato all’uso di contraccettivi orali sono stati stimati utilizzando la regressione logistica, stratificando per studio, età, parità, indice di massa corporea, abitudine al fumo e utilizzo di terapia ormonale in menopausa. Nello studio pubblicato sulla rivista The Lancet Oncology (leggi abstract) l’età mediana dei casi era 63 anni (IQR: 57 – 68) e l’anno mediano di diagnosi del tumore era il 2001 (IQR: 1994 – 2005). In totale, 9459 donne tra i 27276 casi (35%) e 45625 donne tra i 115743 controlli (39%) avevano usato contraccettivi orali per una durata mediana rispettivamente di 3.0 anni (IQR: 1 – 7) e di 4.4 anni (IQR: 2 – 9). Più a lungo le donne avevano assunto contraccettivi orali, maggiore era la riduzione del rischio di tumore dell’endometrio: ogni intervallo d’uso di 5 anni è stato associato a un risk ratio di 0.76 (IC 95%: 0.73 – 0.78; p < 0.0001). Questa riduzione del rischio persisteva per più di 30 anni dopo sospensione dell’uso di contraccettivi orali, con nessuna diminuzione apparente degli RR per l’uso negli anni ’60, ’70 e ’80, malgrado le più alte dosi di estrogeno contenute nelle pillole commercializzate in quel primo periodo. Tuttavia, la riduzione del rischio associata a un uso di contraccettivi orali differiva per il tipo di tumore ed era più elevata per i carcinomi (RR 0.69, IC 95%: 0.66 – 0.71) che per i sarcomi (RR 0.83, IC 95%: 0.67 – 1.04; comparazione caso-caso p = 0.02). Nei Paesi ad alto reddito, l’uso di contraccettivi orali per 10 anni è stato stimato ridurre il rischio assoluto di tumore dell’endometrio che si sviluppa prima dei 75 anni da 2.3 a 1.3 ogni 100 donne. In conclusione, l’utilizzo di contraccettivi orali conferisce una protezione a lungo termine nei confronti del tumore dell’endometrio. I risultati di questo studio, quindi, suggeriscono che, nei Paesi più sviluppati, sono stati prevenuti circa 400000 casi di tumore dell’endometrio, con esordio prima dei 75 anni, con i contraccettivi orali negli ultimi 50 anni (1965 – 2014), comprensivi di 200000 casi negli ultimi dieci anni (2005 – 2014). Lo studio è stato finanziato dal Medical Research Council e Cancer Research UK.
TORNA INDIETRO