mercoledì, 6 luglio 2022
Medinews
22 Luglio 2016

Treatment of Stage IIIA Non–Small-Cell Lung Cancer: Charting the Next Steps

In contrast to the major advances seen recently in the systemic treatment of stage IV non–small-cell lung cancer (NSCLC), progress in locally advanced NSCLC has been relatively modest. It was even suggested, in 2012, that nearly all of the improvements in outcomes in locally advanced NSCLC between 1984 and 2011 may have been due simply to stage migration as a result of improvements in imaging.1 The review by Santana-Davila and Martins2 in this issue of Journal of Oncology Practice on staging, treatment, and follow-up schemes for patients with stage IIIA disease provides … (leggi tutto)

A fronte dei progressi registratisi per la malattia metastatica, non si può dire che lo stesso sia successo per la malattia localmente avanzata dove poco è cambiato in termini di approccio terapeutico (soprattutto sistemico) e dove il vantaggio di sopravvivenza che apparentemente si è registrato negli ultimi anni potrebbe essere semplicemente correlato ad un migliore impiego delle tecniche diagnostiche e ad una migrazione degli stadi di malattia a seguito del cambiamento del sistema stadiativo. Sicuramente si parla di una numerica inferiore rispetto alla malattia metastatica, che comporta a volte un minore interesse nello sviluppo dei nuovi farmaci, ma si tratta anche di patologie più complesse ed eterogenee dove l’investimento di risorse dovrebbe essere almeno pari a quello speso per la malattia metastatica.
TORNA INDIETRO