venerdì, 26 febbraio 2021
Medinews
13 Ottobre 2015

RISULTATI DELLO STUDIO ENERGY (EXERCISE AND NUTRITION TO ENHANCE RECOVERY AND GOOD HEALTH FOR YOU): INTERVENTO COMPORTAMENTALE PER LA PERDITA DI PESO IN SOPRAVVIVENTI AL TUMORE MAMMARIO OBESE O IN SOVRAPPESO

L’obesità aumenta il rischio di mortalità per tutte le cause e per tumore mammario e di comorbidità in donne che hanno ricevuto diagnosi e sono state trattate per un tumore mammario. Lo studio ENERGY (Exercise and Nutrition to Enhance Recovery and Good health for You) è il più ampio studio di intervento sulla perdita di peso in sopravviventi al tumore mammario ad oggi. In questo studio multicentrico, i ricercatori statunitensi hanno randomizzato 692 donne obese o in sovrappeso, dopo una media di 2 anni dal trattamento primario per il tumore mammario in stadio iniziale, a un intervento comportamentale di gruppo, supportato da counselling telefonico e newsletter personalizzate, per favorire la perdita di peso, o a un intervento di controllo meno intensivo, per un periodo di osservazione di 2 anni. Peso e pressione arteriosa sono state misurate dopo 6, 12, 18 e 24 mesi. Modelli longitudinali misti sono stati utilizzati per analizzare i cambiamenti nel tempo. I risultati dello studio pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Oncology (leggi abstract) a 12 mesi suggeriscono una perdita di peso media pari al 6.0% del peso iniziale nel gruppo di intervento e dell’1.5% nel gruppo di controllo (p < 0.001). Dopo 24 mesi, la perdita di peso media nei due gruppi di intervento e controllo era rispettivamente del 3.7 e 1.3% (p < 0.001). Sono stati osservati effetti favorevoli dell’intervento su attività fisica e pressione arteriosa: l’intervento sulla perdita di peso era più efficace nelle donne di età superiore a 55 anni che in quelle più giovani. In conclusione, un intervento comportamentale volto alla perdita di peso può portare a una riduzione clinicamente significativa del peso in sopravviventi al tumore mammario obese o in sovrappeso. Questi risultati supportano la necessità di condurre ulteriore studi per testare metodi che favoriscano una perdita di peso sostenuta e per esaminare il potenziale beneficio della perdita di peso intenzionale sulla recidiva del tumore mammario e sulla sopravvivenza.
TORNA INDIETRO