martedì, 24 novembre 2020
Medinews
22 Giugno 2018

Response rates to second-line platinum-based therapy in ovarian cancer patients challenge the clinical definition of platinum resistance

The aim of this study was to compare response rates and survival in women with “platinum resistant” epithelial ovarian cancer (EOC) who received further platinum-based or non platinum chemotherapy for treatment at first relapse. Patients with high-grade EOC (including fallopian tube and peritoneal cancer) of all histologies recruited to the Australian Ovarian Cancer Study (AOCS) and treated with platinum-based primary chemotherapy were included. Response to second-line … (leggi tutto)

Lo studio ha analizzato la storia clinica, la risposta ai trattamenti e la sopravvivenza globale di 341 pazienti, definite platino resistenti (cioè con ricaduta di malattia a < 6 mesi dalla fine del trattamento a base di platino), trattate in seconda linea con differenti regimi di chemioterapia. Mentre nelle pazienti con recidiva tra 0 e 3 mesi dalla fine del platino non vi era alcuna differenza di risposta se si utilizzavano trattamento a base di platino o agenti non platino, nelle pazienti che ricadevano tra 3 e 6 mesi il trattamento a base di platino si traduceva in una maggiore risposta e migliore sopravvivenza rispetto al non platino. Questo studio, che necessita di conferma, tenderebbe a suggerire che la soglia che definisce la platino resistenza andrebbe anticipata a 3 mesi e non a 6 come fino ad adesso è stato fatto. In realtà vale la pena ricordare che le soglie sono comunque arbitrarie e molto legate a come si fa la sorveglianza nel follow up. Oltretutto, il tempo alla recidiva è fortemente condizionato dal tipo di chirurgia (chirurgia primaria vs neoadiuvante) e chemioterapia (con o senza bevacizumab) che la paziente ha ricevuto in prima linea. Pertanto è il giudizio del clinico, come ulteriormente sottolineato nella V conferenza mondiale sul tumore dell’ovaio, che deve guidare la scelta del trattamento con o senza platino al momento della recidiva.
TORNA INDIETRO