Medinews
29 Settembre 2015

OMS, COMMISSIONE UE ED EMA CONDIVIDERANNO INFORMAZIONI SU SICUREZZA DEI FARMACI

La Commissione Europea, l’EMA e l’OMS hanno concordato di condividere certe informazioni non pubbliche sulla sicurezza, la qualità e l’efficacia dei medicinali già autorizzati o in fase di revisione in seno all’Unione europea, o pre-qualificati o in fase di revisione da parte dell’OMS. L’accordo è operativo dallo scorso 1 settembre. Questa collaborazione rafforzerà la comunicazione tra le rispettive organizzazioni e renderà più facile e veloce prendere provvedimenti per proteggere la salute pubblica. La disposizione dovrebbe accelerare l’accesso dei pazienti ai farmaci innovativi nell’UE, evitare la duplicazione delle valutazioni e migliorare l’autorizzazione e la sicurezza dei medicinali coinvolgendo le migliori competenze da entrambi i lati. L’accordo rafforza ulteriormente la collaborazione tra OMS, Commissione europea e EMA che hanno una lunga storia di collaborazione scientifica e tecnica nell’ambito dell’International Conference on Harmonisation e dell’International Pharmaceutical Regulators Forum. Secondo l’accordo di riservatezza, le organizzazioni coinvolte possono condividere tra l’altro diverse informazioni sulla farmacovigilanza, in particolare sulle reazioni avverse e su eventuali problemi di sicurezza, ma anche sulle autorizzazioni in commercio e sugli studi post marketing, sui farmaci orfani e poi sui risultati delle ispezioni negli impianti di produzione e ricerca.
TORNA INDIETRO