venerdì, 4 dicembre 2020
Medinews
14 Settembre 2018

nab-Paclitaxel plus carboplatin or gemcitabine versus gemcitabine plus carboplatin as first-line treatment of patients with triple-negative metastatic breast cancer: results from the tnAcity trial

Metastatic triple-negative breast cancer (mTNBC) has a poor prognosis and aggressive clinical course. tnAcity evaluated the efficacy and safety of first-line nab-paclitaxel plus carboplatin (nab-P/C), nab-paclitaxel plus gemcitabine (nab-P/G), and gemcitabine plus carboplatin (G/C) in patients with mTNBC. Patients with pathologically confirmed mTNBC and no prior chemotherapy for metastatic BC received (1 : 1 : 1) nab-P 125 mg/m2 plus C AUC 2, nab-P … (leggi tutto)

La ricerca di terapie efficaci per le pazienti affette da carcinoma mammario triplo negativo è una sfida importante, considerando la prognosi infausta che caratterizza questa condizione clinica. Ad oggi, la chemioterapia rappresenta l’unica opzione disponibile e lo studio tnAcity aveva lo scopo di studiare strategie di combinazione di prima linea per ottimizzarne l’utilizzo in prima linea. Nonostante lo studio si sia concluso con la fase II e nonostante la scelta del braccio di riferimento con carboplatino e gemcitabina sia stata criticata, lo studio tnAcity è uno dei pochi studi recenti positivi nel setting di malattia triplo negativa metastatica. Oltre al dato significativo di prolungamento della sopravvivenza libera da progressione con la combinazione di nab-paclitaxel/carboplatino vs il braccio di riferimento, è di sicuro interesse anche il dato in sopravvivenza globale che, pur non raggiungendo una significatività statistica, dimostra un vantaggio assoluto di oltre 4 mesi.
TORNA INDIETRO