Medinews
27 Aprile 2015

LORENZIN: DOBBIAMO COLTIVARE LA VERA CULTURA SCIENTIFICA E SFATARE I FALSI MITI

“Gli immigrati ci stanno riportando malattie scomparse”, “i primi rapporti sessuali sono sterili”, “più spendi e meglio ti curi”, “un antibiotico al primo segno di febbre e tutto passa”, “ci propongono vaccini inutili solo per venderli”: sono questi alcuni dei pericolosi falsi miti della sanità, oggetto del convegno svolto la scorsa settimana a Roma, con l’obiettivo di sfatare i tanti luoghi comuni sulla sanità, dando al contempo risalto alle vere eccellenze di questo settore. “E’ necessario distruggere i falsi miti della sanità e focalizzare l’attenzione sui problemi reali e le cose vere – ha sottolineato il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin – Oggi c’è un surplus di informazioni e ciò passa per essere cultura scientifica, ma in realtà non è così. Abbiamo il dovere di coltivare la vera cultura scientifica e le eccellenze che abbiamo nel nostro paese, che spesso vengono celebrate fuori e non in Italia”. Il ministro ha subito ricordato come in questi anni l’eccellenza della sanità italiana è stata schiacciata da vari falsi miti: cominciando da Stamina, per arrivare alla battaglia contro il falso mito che vuole le vaccinazioni causa dell’autismo. Il Ministro Lorenzin ha sottolineato, inoltre, come “sia un falso mito che in Italia si spende troppo per la sanità: spediamo meno di tutti. Ed è un falso mito che spendiamo troppo in farmaci. Il Fondo sanitario nazionale è legato al Pil – ha detto – è una percentuale e abbiamo bisogno di aumentare questa percentuale. Il Servizio sanitario nazionale ha dato molto al Paese e dal prossimo anno dovrà ricevere qualcosa”.
TORNA INDIETRO