Medinews
29 Settembre 2015

LORENZIN DIFENDE IL DDL SANITÀ: “SENZA ESAMI INUTILI MENO FILE E SPRECHI”

“D’ora in poi, per i cittadini, sarà possibile accedere ai servizi sanitari riducendo le liste d’attesa”. E’ quanto sostiene il Ministro della Salute Beatrice Lorenzin in merito alla sua riforma della sanità. “Non prescrivere indagini inappropriate significa rinunciare a quelle che mai avrebbero dovuto essere prescritte – ha spiegato la Lorenzin -. Attaccheremo gli sprechi e non faremo tagli lineari, così siamo arrivati a una mediazione. I punti sanzionatori sono stati fortemente voluti dalle Regioni e, visto il clamore, chiedo agli enti locali di metterci la faccia e spiegare bene la ratio del provvedimento ai cittadini. Nessuno sarà curato di meno”. Il Ministro infine tende una mano anche ai camici bianchi che minacciano lo sciopero. “Queste novità daranno più serenità ai medici dopo dieci anni di austerity e tagli lineari. Condivido la necessità di rinnovare il contratto, stabilizzare i precari – ha concluso il Ministro -, dare maggiori tutele contro la medicina difensiva e garanzie sullo sblocco del turn over”.
TORNA INDIETRO