Medinews
31 Gennaio 2014

IL PROFILO TRASCRIZIONALE DEL LINFONODO SENTINELLA NEL MELANOMA IDENTIFICA I PAZIENTI CON ‘OUTCOME’ SFAVOREVOLE E RIVELA UN’ASSOCIAZIONE DEI LINFOCITI T CD30(+) CON LA PROGRESSIONE

I linfonodi sentinella rappresentano la linea di difesa del sistema immunitario a un tumore localizzato e spesso sono il primo sito ad essere colonizzato dalle cellule neoplastiche che si trasformano in metastatiche. Per esaminare come la presenza di cellule neoplastiche nei linfonodi sentinella possa stimolare le vie associate alla progressione metastatica, i ricercatori della Fondazione IRCCS Istituto Nazionale dei Tumori di Milano hanno analizzato i profili trascrizionali dei campioni, conservati in archivio, di biopsie del linfonodo sentinella ottenute da pazienti con melanoma. Le biopsie dei linfonodi positivi sono state selezionate secondo comparabilità di infiltrazione tumorale, presenza o assenza di ulteriori metastasi linfonodali regionali e recidiva al follow-up di 5 anni. L’analisi ‘unsupervised’ dei profili di espressione genica ha rivelato che la risposta immunitaria rappresenta l’ontogenesi di geni maggiori. Tra i geni sovra-regolati nei pazienti con malattia in progressione, il gene CD30/TNFRSF8 membro della famiglia dei recettori di TNF è stato confermato in campioni di biopsie ottenute da un gruppo indipendente di pazienti. Nello studio pubblicato sulla rivista Cancer Research, l’analisi immuno-istochimica ha evidenziato un numero più alto di linfociti CD30(+) tra i linfonodi di pazienti con malattia in progressione rispetto a quelli che non la manifestavano. Il profilo fenotipico ha indicato che i linfociti CD30(+) costituiscono un’ampia popolazione di cellule immunitarie ad effetto soppressivo o esaustivo, come le sottopopolazioni CD4(+)Foxp3(+) o PD1(+) e le cellule T CD4(-)CD8(-). I linfociti T CD30(+) risultano aumentati tra la popolazione linfocitaria nel sangue periferico dei pazienti con melanoma, negli stadi avanzati della malattia. I risultati di questo studio confermano il concetto che i linfonodi sentinella agiscono come localizzazioni importanti nel determinare le caratteristiche della progressione, rivelando che la presenza di linfociti CD30(+) in questi siti si associa positivamente alla progressione del melanoma.

Transcriptional Profiling of Melanoma Sentinel Nodes Identify Patients with Poor Outcome and Reveal an Association of CD30+ T Lymphocytes with Progression. Cancer Research 2014 Jan 1;74(1):130
TORNA INDIETRO