mercoledì, 28 settembre 2022
Medinews
27 Ottobre 2015

FUMO: AL VIA LA PRIMA CAMPAGNA DI PREVENZIONE PER GLI UNDER 14

Sono i numeri di un’epidemia. Centomila casi di tumore ogni anno in Italia sono dovuti al fumo di sigaretta. Per arrestare le conseguenze allarmanti di questo fattore di rischio evitabile, l’AIOM promuove la prima campagna nazionale realizzata nel nostro Paese dedicata esclusivamente agli adolescenti (11-14 anni), per prevenire il primo approccio alla sigaretta dei più giovani (soprattutto delle ragazzine). Il progetto è stato presentato venerdì scorso al XVII Congresso nazionale di Roma. “Il nostro obiettivo – ha spiegato Carmine Pinto, presidente nazionale AIOM – è educare e responsabilizzare gli under 14 sulla pericolosità e le conseguenze del fumo. A partire da gennaio 2016 l’iniziativa interesserà 100 scuole medie inferiori dislocate su tutto il territorio nazionale fino al termine dell’anno scolastico. Coinvolgeremo testimonial sportivi e del mondo dello spettacolo. Tutte le scuole italiane saranno invitate a proiettare questa lezione ‘speciale’ di approfondimento e prevenzione sul fumo in classe. Sarà sviluppata anche una app con giochi e quiz per illustrare ai ragazzi la pericolosità di questo vizio e i benefici che derivano da stili di vita sani”. “Troppi adolescenti accendono la prima sigaretta a 13 anni o ancora più giovani – ha sottolineato Silvia Novello, presidente WALCE Onlus (Women Against Lung Cancer in Europe) e membro del direttivo nazionale AIOM -. Per il 25% dei 15enni italiani e il 22% delle ragazze della stessa età l’abitudine al fumo inizia proprio sui banchi delle scuole medie inferiori. Preoccupa in particolare l’aumento del vizio fra le donne, infatti la differenza della percentuale di tabagisti fra i due sessi in 53 anni (1957-2010) è diminuita dal 58,8% al 4,2%. Con conseguenze evidenti”. Il progetto è reso possibile grazie ad un educational grant di MSD Italia.
TORNA INDIETRO