Medinews
22 Maggio 2014

EFFICACIA E SICUREZZA DI IPILIMUMAB IN PAZIENTI ANZIANI CON MELANOMA AVANZATO, PRECEDENTEMENTE TRATTATI, IN CENTRI ITALIANI NELL’AMBITO DI UN ‘EXPANDED ACCESS PROGRAMME’

I pazienti anziani con melanoma metastatico presentano caratteristiche della malattia diverse e una diagnosi più sfavorevole rispetto ai più giovani. Tuttavia, i dati da studi clinici e da ‘expanded access programme‘ (EAP) suggeriscono un consistente beneficio di sopravvivenza e un simile profilo di sicurezza nei diversi gruppi d’età dei pazienti con melanoma metastatico trattati con ipilimumab. In questo studio, pubblicato sulla rivista Journal of Experimental & Clinical Cancer Research, ricercatori di vari centri oncologici italiani riportano i risultati di efficacia e sicurezza di ipilimumab (3 mg/kg) in pazienti anziani arruolati nell’ambito di un EAP in Italia. Pazienti di età > 70 anni, già trattati per il melanoma, hanno ricevuto ipilimumab 3 mg/kg ogni 3 settimane per 4 dosi nell’ambito di un EAP. La risposta tumorale è stata valutata al momento basale e dopo completamento della terapia di induzione, utilizzando criteri di risposta immuno-correlata; i pazienti sono stati monitorati durante tutto il periodo di trattamento per quanto riguarda gli eventi avversi, inclusi quelli immuno-correlati. Il tasso di controllo immuno-correlato della malattia, nei 188 pazienti valutabili, è risultato pari al 38% e ha incluso 4 pazienti con risposta completa immuno-correlata, 24 con risposta parziale immuno-correlata e 44 con stabilizzazione della malattia immuno-correlata. La sopravvivenza libera da progressione (PFS) mediana è stata di 4,0 mesi e i tassi di PFS a uno e due anni erano rispettivamente pari al 21 e 12%. La sopravvivenza globale (OS) mediana è stata di 8,9 mesi e i tassi di OS a uno e due anni erano rispettivamente pari al 38 e 22%. Il profilo di sicurezza di ipilimumab era consistente con quello osservato nella popolazione generale dell’EAP italiano e gli eventi avversi correlati al trattamento si sono risolti generalmente entro una mediana di 2 settimane con trattamento concorde alle linee guida specifiche per protocollo. In conclusione, i risultati suggeriscono che ipilimumab costituisce un’opzione di trattamento utilizzabile nei pazienti anziani con melanoma metastatico. Il trattamento con ipilimumab è stato generalmente ben tollerato e ha offerto beneficio clinico e sopravvivenza prolungata nei pazienti anziani trattati nei centri oncologici italiani che hanno partecipato a questo ‘expanded access programme’.

Efficacy and safety of ipilimumab in elderly patients with pretreated advanced melanoma treated at Italian centres through the expanded access programme. Journal of Experimental and Clinical Cancer Research 2014 Apr 4;33(1):30
TORNA INDIETRO