giovedì, 25 febbraio 2021
Medinews
21 Luglio 2015

EFFICACIA DELLA TERAPIA DA DEPRIVAZIONE ANDROGENICA COMBINATA ALLA RADIOTERAPIA IN PAZIENTI ANZIANI CON TUMORE DELLA PROSTATA LOCALMENTE AVANZATO

Ricercatori della University of Pennsylvania e Fox Chase Cancer Center di Filadelfia e del Massachusetts General Hospital di Boston hanno esaminato se il vantaggio di sopravvivenza della terapia da deprivazione androgenica in combinazione alla radioterapia (ADT + RT), rispetto a sola ADT, riportato in due studi clinici randomizzati nei pazienti con tumore della prostata localmente avanzato, si mantenesse anche nella pratica reale e se si potesse estendere l’evidenza a popolazioni di pazienti poco rappresentate negli studi clinici. Gli autori dello studio pubblicato sulla rivista Journal of Clinical Oncology (leggi abstract) hanno condotto studi non randomizzati di efficacia di ADT + RT vs ADT in tre gruppi di pazienti che avevano ricevuto la diagnosi tra il 1995 e il 2007, osservati fino al 2009, inclusi nel database di SEER-Medicare, che comprendevano: 1) la coorte di uno studio clinico randomizzato con pazienti di età compresa tra 65 e 75 anni coerente con i partecipanti a studi clinici randomizzati; 2) una coorte di pazienti anziani, che includeva uomini di età > 75 anni con tumore prostatico localmente avanzato; 3) una coorte sottoposta a screening, che includeva uomini di età ≥ 65 anni con tumore prostatico ad alto rischio diagnosticato durante lo screening. I ricercatori hanno valutato la mortalità causa-specifica e per tutte le cause, utilizzando analisi del punteggio di propensione, della variabile strumentale e sensibilità. I risultati indicano che nella coorte dello studio clinico randomizzato, la combinazione di ADT + RT era associata a ridotta mortalità causa-specifica e per tutte le cause, rispetto a sola ADT (hazard ratio [HR] di morte causa-specifica aggiustato per il punteggio di propensione 0.43, IC 95%: 0.37 – 0.49; HR di morte per tutte le cause aggiustato per il punteggio di propensione 0.63, IC 95%: 0.59 – 0.67). Le stime di efficacia nella coorte di questo studio non erano significativamente differenti da quelle degli studi randomizzati (p < 0.1). Anche nelle altre due coorti, di anziani e di pazienti che avevano ricevuto la diagnosi durante lo screening, la combinazione di ADT + RT è stata associata a ridotta mortalità causa-specifica e per tutte le cause. Le analisi della variabile strumentale hanno prodotto stime simili a quelle ottenute con i metodi aggiustati per il punteggio di propensione. In conclusione, i pazienti più anziani con tumore della prostata ad alto rischio, localmente avanzato o diagnosticato durante lo screening, che ricevono solo la terapia da deprivazione androgenica, rischiano riduzioni della sopravvivenza sia causa-specifica che globale.
TORNA INDIETRO