venerdì, 26 novembre 2021
Medinews
23 Settembre 2016

Early stage thymoma: is VATS the new standard of care?

VATS has become the standard of care in early stage lung cancer over the last decade. Improvement in technology in terms of energy devices, staplers and visualization has enabled thoracic surgeons to perform the most complex procedures using VATS approach. However the adoption of VATS thymectomy for thymic malignancies has progressed slowly, mainly due to the limitations and concerns related with the disease itself and its anatomic location. Open resection of early stage thymoma results in excellent long term survival (90%) and very low rate (<5%) of recurrence ... (leggi tutto)

La video-toracoscopia assistita è sempre più diffusa nella resezione del carcinoma polmonare in stadio precoce. Molto meno noto e diffuso il suo impiego nell’approccio delle patologie neoplastiche del timo dove la sua applicazione ha avuto più lento sviluppo anche in ragione dell’anatomia del tumore. La patologia del timo in stadio precoce si giova in modo inequivocabile della resezione chirurgica e un approccio meno invasivo potrebbe risultare sicuramente vantaggioso. Lo studio esamina un numero di casi elevato (1.117) sottoposti a chirurgia standard (876) o VATS (241) nella finestra temporale fra il 1994 e il 2012. Dallo studio emerge come con la VATS vi siano state più timectomie e resezioni complete e minore tasso di recidiva (2,9% vs. 16,0%, p = 0,000) a fronte di una sopravvivenza a 5 anni del tutto sovrapponibile (pari al 92%). Questi dati indicano in questa tecnica un ottimo approccio anche nel carcinoma timico in stadio precoce (Masaoka-Koga stadio I e II), esattamente come si sta verificando per la patologia primitiva del polmone.
TORNA INDIETRO