Medinews
14 Luglio 2015

COMMISSIONE SENATO: IL SSN NON PUÒ SOPPORTARE ALTRI TAGLI

“Nei prossimi anni il servizio sanitario nazionale non sarà in grado di sopportare restrizioni finanziarie, pena un ulteriore peggioramento della risposta ai bisogni di salute dei cittadini e un deterioramento delle condizioni di lavoro degli operatori”. E’ quanto sostiene la Commissione Igiene e Sanità del Senato nelle conclusioni della relazione, approvata all’unanimità, “Stato e salute prospettive del SSN”, nell’ottica della sostenibilità del sistema e della garanzia dei principi di universalità, solidarietà ed equità. Il documento è stato presentato la scorsa settimana a Palazzo Madama. Tra i suggerimenti evidenziati dalla Commissione: “un piano straordinario di investimenti in edilizia e tecnologie sanitarie – sottolinea la relazione – accuratamente disegnato per costruire un volano per l’occupazione e la crescita, oltre che un’occasione per ammodernare il patrimonio del SSN”. Inoltre l’Italia “non ha ancora dedicato adeguata attenzione alla corruzione nel settore sanitario – osserva il documento – tra le aree più a rischio: la selezione del personale, la gestione degli accreditamenti e la fornitura di prestazioni, l’acquisto di beni”. La Commissione ritiene che “non sia più rinviabile una revisione dei LEA in funzione dei reali bisogni di salute dei pazienti e che serve “un piano di programmazione per le risorse umane con una revisione dei vincoli vigenti introducendo elementi di flessibilità”.
TORNA INDIETRO