lunedì, 20 settembre 2021
Medinews
29 Aprile 2009

‘BOLLINO BLU’ AI MIGLIORI CENTRI DI EMOFILIA ITALIANI

Milano, 17 aprile – Sono circa 6mila i malati di emofilia e altri disturbi della coagulazione. Il ‘bollino blu’ verrà consegnato ai centri che ne faranno richiesta e servirà a migliorare la qualità di diagnosi, terapia e riabilitazione rendendo omogenea l’assistenza in tutto il territorio nazionale ed eliminando i casi di ‘pendolarismo della salute’ dal Sud al Nord. Il progetto è promosso dall’Associazione italiana centri emofilia (Aice) e si chiama ‘Improve Aice’, presentato a Milano durante un incontro promosso dalla Fondazione Angelo Bianchi Bonomi. Dal 2010 tutti i centri italiani anti-emofilia (50 strutture diverse per dimensioni e servizi offerti) potranno aderire su base volontaria a un processo di accreditamento ‘fra pari’. Ne seguirà la valutazione da parte di un comitato di medici, che verificherà il rispetto di particolari standard assistenziali. Speciali linee guida raccolte in un manuale, che sarà validato in 6 centri pilota (due a Torino, uno a Padova, uno a Bologna, uno a Sassari e uno a Palermo). La fase sperimentale del progetto è già iniziata, secondo un modello ad hoc, seguito in passato dalla Società italiana di medicina interna-Simi, con una valutazione fatta ‘da medico a medico’, in cui i camici bianchi si mettono in gioco in prima persona per il bene dei loro pazienti.


SIEnews – Numero 8 – 30 aprile 2009
TORNA INDIETRO