lunedì, 26 luglio 2021
Medinews
13 Ottobre 2016

Avelumab in patients with chemotherapy-refractory metastatic Merkel cell carcinoma: a multicentre, single-group, open-label, phase 2 trial

Merkel cell carcinoma is a rare, aggressive skin cancer with poor prognosis in patients with advanced disease. Current standard care uses various cytotoxic chemotherapy regimens, but responses are seldom durable. Tumour oncogenesis is linked to Merkel cell polyomavirus integration and ultraviolet-radiation-induced mutations, providing rationale for treatment with immunotherapy antibodies that target the PD-L1/PD-1 pathway. We assessed treatment with avelumab, an anti-PD-L1 monoclonal antibody, in patients with stage IV Merkel cell carcinomathat had progressed after … (leggi tutto)

Il carcinoma a cellule di Merkel costituisce una patologia rara a partenza in genere dalla cute. La malattia insorge tipicamente in età avanzata e si caratterizza per un decorso clinico molto aggressivo. La malattia è generalmente sensibile a regimi chemioterapici contenenti platino ed etoposide o ciclofosfamide, adriblastina e vincristina, ma per periodi di breve durata. La prognosi rimane pertanto molto sfavorevole e le opzioni di trattamento limitate. In questo studio multicentrico internazionale di fase 2, avelumab anticorpo monoclonale anti-PD-L1 ha dimostrato in 88 pazienti arruolati in poco meno di 1 anno in 35 istituzioni una buona attività clinica in termini di risposte obiettive. La buona durata della risposta (mediana non raggiunta ad un follow-up di 10 mesi), la presenza di 8 remissioni complete ed il buon profilo di tollerabilità del trattamento costituiscono i punti di forza dello studio. I dati di avelumab in aggiunta a quanto già dimostrato con pembrolizumab autorizzano a prevedere l’inserimento di PD-1/PD-L1 inibitori quali opzioni di trattamento in questa rara patologia.
TORNA INDIETRO