domenica, 25 settembre 2022
Medinews
3 Aprile 2015

ASSOCIAZIONE TRA DIABETE E STADIO ALLA DIAGNOSI DEL TUMORE MAMMARIO: STUDIO DI POPOLAZIONE

Le donne diabetiche mostrano più alta incidenza e mortalità del tumore mammario. Scopo dello studio pubblicato sulla rivista Breast Cancer Research and Treatment (leggi abstract) era esaminare l’impatto del diabete sullo stadio alla diagnosi del tumore mammario, quale possibile ragione di più alta mortalità. Utilizzando i database sanitari di popolazione dello stato dell’Ontario in Canada, questo studio retrospettivo di coorte ha valutato lo stadio alla diagnosi (II, III o IV vs I) in donne di età compresa tra 20 e 105 anni che avevano ricevuto nuova diagnosi di tumore mammario invasivo tra il 2007 e il 2012, confrontando le donne con vs senza diabete. La patologia è stata identificata dalle cartelle cliniche utilizzando un algoritmo validato. Tra le 38407 donne con tumore mammario, 6115 (15.9%) sono risultate diabetiche. Le pazienti con diabete e tumore mammario avevano significativamente maggiori probabilità di presentare la neoplasia in stadio avanzato, rispetto alle non diabetiche. Dopo aggiustamento per gli esami mammografici e altre covariate, i ricercatori del Women’s College Research Institute, Women’s College Hospital di Toronto, hanno osservato un’associazione tra diabete e rischio significativamente più alto di tumore mammario in stadio II (odds ratio aggiustato [aOR] 1.14, intervallo di confidenza [IC] 95%: 1.07 – 1.22), in stadio III (aOR 1.21, IC 95%: 1.11 – 1.33) e in stadio IV (aOR 1.16, IC 95%: 1.01 – 1.33), rispetto allo stadio I. Le donne diabetiche inoltre mostravano un rischio più alto di metastasi linfonodali (aOR 1.16, IC 95%: 1.06 – 1.27) e tumori di dimensioni superiori a 2 cm (aOR 1.16, IC 95%: 1.06 – 1.28). Il diabete è stato associato a uno stadio più avanzato di tumore mammario anche dopo aver considerato le differenze di adesione allo screening mammografico e altri fattori. I risultati di questo studio, in conclusione, suggeriscono che il diabete può predisporre a un tumore mammario più aggressivo, che può contribuire alla più elevata mortalità specifica per il cancro.
TORNA INDIETRO