sabato, 4 febbraio 2023
Medinews
8 Giugno 2010

ANTICORPI ANTI-TIREOGLUBULINA E RISCHIO DI CANCRO IN PAZIENTI CON NODULI TIROIDEI

Ricercatori sud-coreani dell’Università Cattolica di Seul indicano, per la prima volta, la positività al test per gli anticorpi verso la tireoglobulina (TgAb) quale fattore predittivo indipendente di malignità dei noduli tiroidei, assieme ai livelli sierici di tireotropina (TSH), indipendentemente dalla presenza di tiroidite autoimmune. L’associazione tra tiroidite autoimmune e cancro alla tiroide è ancora poco chiara malgrado i molti studi sull’argomento. Lo studio pubblicato nella rivista Thyroid (leggi abstract originale) ha valutato il valore predittivo per il cancro alla tiroide della determinazione nel siero di anticorpi tiroidei in pazienti con noduli tiroidei. I ricercatori hanno riesaminato le cartelle cliniche dei pazienti sottoposti a biopsia citologica con ago sottile guidata da ecografia presso il loro istituto tra gennaio 2006 e dicembre 2008. L’autoimmunità è stata valutata misurando il titolo anticorpale di TgAb e dell’anticorpo tiroideo anti-perossidasi (TPOAb). La diagnosi finale di stato benigno o maligno è stata ottenuta dalla combinazione di esami citologici e istologici. Nei 1638 pazienti studiati, i noduli maligni avevano una percentuale più alta di positività a TgAb (30.8% vs 19.6%; p < 0.001) e si manifestavano livelli più elevati di TSH (2.5 ± -2.8 mUI/L vs 2.1 ± -2.0 mUI/L; p = 0.021), rispetto a quelli benigni. Le percentuali di positività a TPOAb non erano più elevate nei noduli maligni, sebbene sia TPOAb che TgAb mostravano una buona correlazione con i livelli di TSH e l’istologia della tiroidite autoimmune. In analisi multivariata, la positività a TgAb era associata significativamente al cancro alla tiroide (odds ratio [OR] 1.61, intervallo di confidenza [IC] 95%: 1.12 – 2.33) con il terzile più alto dell’intervallo normale dei livelli di TSH (OR 1.72, IC 95%: 1.12 – 2.63) e sopra l’intervallo normale dei livelli di TSH (OR 1.98, IC 95%: 1.06 – 3.70). Gli autori dello studio suggeriscono che la determinazione di TgAb potrebbe dare ulteriori informazioni per la previsione della malignità dei noduli tiroidei, citologicamente indeterminati, in associazione ai fattori clinici di rischio e ai livelli di TSH.
TORNA INDIETRO