lunedì, 25 ottobre 2021
Medinews
29 Maggio 2015

Anno II – numero 9 – Maggio 2015COME MIGLIORARE I TASSI DI SCREENING PER IL TUMORE DELLA MAMMELLA E DEL COLON: CONFRONTO TRA INVIO DI LETTERE, TELEFONATE AUTOMATICHE O ENTRAMBI


Interventi a basso costo per migliorare l’affluenza agli screening tumorali a livello di cure primarie sono tuttora necessari. Non è al momento nota l’efficacia comparativa di lettere personalizzate, telefonate automatiche o entrambi, sugli screening per il tumore della mammella e del colon. I ricercatori della University of Rochester Medical Center, University of Michigan e Children’s Mercy Hospitals and Clinics di Kansas City hanno condotto uno studio randomizzato, controllato, pragmatico nel periodo 2011-2012. La popolazione eleggibile di riferimento per le cure primarie era rappresentata rispettivamente da donne di età compresa tra 50 e 74 anni, che non si erano presentate per la mammografia, e da uomini o donne che non si erano ancora sottoposti a screening mammografico o per il tumore del colon di qualsiasi tipo (> 12 mesi dall’ultimo esame del sangue occulto nelle feci, > 5 anni dall’ultima sigmoidoscopia/clisma opaco con bario a doppio contrasto oppure > 10 anni dall’ultima colonscopia). I partecipanti sono stati randomizzati a 1 dei 3 interventi: invio di lettere personalizzate, telefonate automatiche o entrambi. ‘Outcome’ primario era la documentazione in cartella clinica di uno screening mammografico completo o per il tumore del colon entro 36 settimane dalla randomizzazione. Gli autori dello studio pubblicato sulla rivista Journal of the American Board of Family Medicine hanno stimato i costi di ciascun intervento e calcolato la costo-efficacia marginale per ogni persona sottoposta a screening. I risultati indicano tassi crudi di screening per il tumore mammario pari al 19, 22 e 37%, mentre per il tumore del colon-retto erano 17, 14 e 24%, rispettivamente nei gruppi randomizzati a invio della lettera, telefonata automatica o a entrambi. Il gruppo di intervento combinato (lettera e chiamata automatica) ha mostrato un tasso significativamente più alto di screening (p < 0,05), rispetto a ciascuno dei due gruppi sottoposti a singolo intervento (solo lettera o solo chiamata automatica) per il tumore mammario o del colon-retto, sia in analisi crude che aggiustate. L’intervento combinato costa 5,11 $ per ogni ulteriore persona sottoposta a screening per il tumore mammario e 13,14 $ per ogni ulteriore persona sottoposta a screening per il tumore del colon-retto. In conclusione, nell’ambito delle cure primarie, la modalità che comprende l’invio di lettere accompagnata da telefonate automatiche è migliore di ognuna delle due alternative con unico intervento nell’aumentare i tassi di affluenza allo screening per il cancro in pazienti che non avevano risposto precedentemente. Questi risultati suggeriscono la possibilità che un intervento relativamente non costoso possa migliorare l’affluenza agli screening per il cancro.

Improving breast and colon cancer screening rates: a comparison of letters, automated phone calls, or both. Journal of the American Board of Family Medicine 2015 Jan-Feb;28(1):46
TORNA INDIETRO