domenica, 25 settembre 2022
Medinews
24 Luglio 2015

Anno II – numero 8 – Luglio 2015PROBIOTICI NELLA PREVENZIONE DELLE RECIDIVE DI VAGINOSI BATTERICA


La vaginosi batterica è la causa più comune di perdite vaginali nelle donne durante il periodo fertile. La prevalenza di vaginosi batterica varia tra il 10 e il 50%, in parte a causa dell’elevato tasso di recidiva dopo trattamento standard. Le donne con vaginosi batterica possono avere ridotta qualità di vita e sono a rischio di gravi complicanze ostetriche. Dati limitati sono tuttavia disponibili sulle strategie ottimali di trattamento per prevenire la recidiva di vaginosi batterica e questo sottolinea l’importanza della disponibilità di ampie risorse per l’informazione scientifica e di strategie terapeutiche. Scopo di questo studio era valutare la frequenza e la rilevanza clinica della recidiva di vaginosi batterica e raccogliere i dati, riesaminando gli approcci preventivi basati sulla supplementazione con lattobacilli. I ricercatori dell’Istituto Scientifico Vita Salute San Raffaele di Milano hanno condotto una revisione della letteratura, basata sulla combinazione delle seguenti parole chiave: ‘bacterial vaginosis’, ‘bacterial vaginosis recurrences’, ‘vaginal discharge’, ‘vaginal flora’, ‘Lactobacillus’, ‘Lactobacillus rhamnosus‘ e ‘probiotic supplementation’. Gli studi sono stati valutati in tassi di guarigione della vaginosi batterica, incidenza della recidiva della vaginosi batterica, riduzione del disagio della paziente, mantenimento di una ri-colonizzazione vaginale sana e manifestazione di complicanze e di effetti collaterali. Lo studio pubblicato sulla rivista Alternative Therapies in Health and Medicine ha evidenziato che la recidiva di vaginosi batterica dopo terapia standard è un importante problema clinico, con un’incidenza del 30-40% e un significativo impatto sulla qualità di vita delle donne e sul rischio di serie, anche se infrequenti, complicanze ostetriche. Quindi, è importante trovare terapie preventive efficaci per evitare o ridurre la recidiva di vaginosi batterica. Anche quando queste terapie sono efficaci, i tipici regimi antibatterici per la terapia di mantenimento a lungo termine sono noti avere effetti collaterali. Vari schemi di trattamento con lattobacilli esogeni si sono dimostrati efficaci nel prevenire la recidiva di vaginosi batterica, anche nelle pazienti ad alto rischio di recidiva. In conclusione, la supplementazione con lattobacilli probiotici vaginali si è dimostrata cruciale nell’ostacolare la crescita batterica dopo terapia antibiotica, quindi tale intervento può essere considerato un nuovo trattamento adiuvante per la prevenzione della recidiva di vaginosi batterica, anche in pazienti ad alto rischio.

Probiotics in the prevention of recurrences of bacterial vaginosis. Alternative Therapies in Health and Medicine 2014 Winter;20 Suppl 1:52
TORNA INDIETRO