Medinews
24 Aprile 2015

Anno II – numero 8 – Aprile 2015TRATTAMENTO DEI NODULI TIROIDEI BENIGNI: CONFRONTO TRA CHIRURGIA E ABLAZIONE CON RADIOFREQUENZA


Il gozzo nodulare è una delle più comuni lesioni benigne tra i noduli della tiroide. Il principale trattamento di questa malattia rimane ancora la resezione chirurgica tradizionale, tuttavia esistono varie problematiche legate all’anestesia generale, alla cicatrice chirurgica, alle anormalità post-operatorie della funzione tiroidea o paratiroidea e all’elevato tasso di recidiva dei noduli nella ghiandola residua. Scopo dello studio pubblicato sulla rivista American Journal of Neuroradiology era confrontare l’efficacia, la sicurezza e la costo-efficacia di due metodi di trattamento, chirurgia e ablazione con radiofrequenza, utilizzati nel trattamento dei noduli benigni della tiroide. Tra maggio 2012 e settembre 2013, ricercatori cinesi e sudcoreani hanno arruolato 200 pazienti con gozzo nodulare sottoposti a resezione chirurgica (gruppo A) e altri 200 che sono stati trattati con l’ablazione con radiofrequenza (gruppo B). I criteri di inclusione dello studio erano: 1) problema estetico, 2) sintomi correlati al nodulo, 3) noduli iperfunzionanti correlati a tireotossicosi e 4) rifiuto della chirurgia (per il gruppo B). In questo studio, è stato utilizzato un sistema di ablazione con radiofrequenza raffreddato internamente e un elettrodo 18-ga raffreddato internamente. Gli autori hanno confrontato i due gruppi in termini di efficacia, sicurezza e costo-efficacia durante un periodo di follow-up di un anno. Dopo ablazione con radiofrequenza, il volume del nodulo è diminuito significativamente da 5,4 a 0,4 ml (p = 0,002), a un follow-up di 12 mesi. L’incidenza di complicanze era significativamente più alta con la chirurgia che con l’ablazione con radiofrequenza (6,0 vs 1,0%; p = 0,002). L’ipotiroidismo è stato diagnosticato nel 71,5% dei pazienti dopo la resezione chirurgica ma in nessuno di quelli sottoposti ad ablazione con radiofrequenza. Il tasso di noduli residui (11,9 vs 2,9%; p = 0,004) e i giorni di ospedalizzazione erano significativamente più alti dopo la chirurgia (6,6 vs 1,2 giorni; p < 0,001), ma la differenza dei costi non era significativa. In conclusione, la resezione chirurgica e l’ablazione con radiofrequenza sono entrambi trattamenti efficaci per il gozzo nodulare. Rispetto alla prima, i vantaggi dell’ablazione con radiofrequenza includono un minor numero di complicanze, la preservazione della funzione tiroidea e una ospedalizzazione più breve. Quindi, l’ablazione con radiofrequenza dovrebbe essere considerata un trattamento di prima linea per i noduli benigni della tiroide.

Treatment of Benign Thyroid Nodules: Comparison of Surgery with Radiofrequency Ablation. AJNR American Journal of Neuroradiology 2015 Mar 26 [Epub ahead of print]
TORNA INDIETRO