giovedì, 21 ottobre 2021
Medinews
27 Febbraio 2015

Anno II – numero 6 – Febbraio 2015VALUTAZIONE PROSPETTICA DEL FOLLOW-UP DI PAZIENTI CON MELANOMA IN GERMANIA: RISULTATI DI UNO STUDIO MULTICENTRICO LONGITUDINALE


Il numero dei pazienti che richiedono una sorveglianza a lungo termine del melanoma è in costante crescita: la sorveglianza è costosa e le raccomandazioni secondo le linee guida variano molto. In questo studio nazionale tedesco, in cui sono stati coinvolti molti centri oncologici universitari e il German Cancer Research Centre (DKFZ) di Heidelberg, sono state raccolte prospetticamente per 4 anni tutte le informazioni su sorveglianza e trattamento dei pazienti che hanno ricevuto diagnosi di melanoma e melanoma in situ tra aprile e giugno 2008. I questionari di autovalutazione dei pazienti sono stati esaminati per determinare ansia, depressione, qualità di vita correlata alla salute, le informazioni socio-demografiche e l’utilizzo di risorse sulle informazioni sanitarie specifiche per la malattia, nei 4 anni successivi alla diagnosi di tumore primario. I dati completi erano disponibili per 668 pazienti di 67 centri, il 96,0% era sotto regolare sorveglianza per il melanoma. Al 3° – 4° anno di sorveglianza, solo il 55,6% delle metastasi loco-regionali era stato rilevato durante le visite di controllo e il 33,3% era stato scoperto dai pazienti stessi anche se il 69,4% del totale era documentato come clinicamente visibile o palpabile. I costi dei 4 anni di sorveglianza di 550 pazienti senza recidiva di tumore (in stadio I-IIC e melanoma in situ) ha raggiunto 228.155,75 Euro. L’aderenza alle linee guida su frequenza delle visite di follow-up, ecografia dei linfonodi, test dei livelli di S100 nel siero e raccomandazioni diagnostiche con tecniche d’immagine si avvicinava al 60% nel 3° – 4° anno di sorveglianza. Nello studio pubblicato sulla rivista European Journal of Cancer, l’analisi di regressione multivariata ha indicato che certe caratteristiche del paziente o del tumore e differenze regionali erano significativamente associate a ‘deviazioni’ dalle linee guida. La percentuale dei pazienti che hanno superato i punteggi di cut-off pubblicati, che indicavano sintomi clinicamente rilevanti di ansia e depressione, era significativamente aumentata e i pazienti riportavano frequentemente assenza di supporto psico-sociale ed educazionale, alla quale tuttavia davano grande importanza. In conclusione, gli autori dello studio raccomandano un’ulteriore riduzione del follow-up in pazienti con melanoma a basso rischio e un ampliamento del supporto psico-sociale ed educazionale per tutti i pazienti con melanoma.

Prospective evaluation of follow-up in melanoma patients in Germany – Results of a multicentre and longitudinal study. European Journal of Cancer 2015 Jan 28 [Epub ahead of print]
TORNA INDIETRO