mercoledì, 24 febbraio 2021
Medinews
28 Agosto 2015

Anno II – numero 12 – Agosto 2015BENEFICI E DANNI DELLO SCREENING MAMMOGRAFICO DOPO I 74 ANNI: STIME DI SOVRADIAGNOSI CON MODELLI DI MICROSIMULAZIONE


Scopo dello studio pubblicato sulla rivista Journal of the National Cancer Institute era quantificare i benefici e i danni dello screening mammografico nelle donne con più di 74 anni, focalizzando l’attenzione sul numero di sovradiagnosi di tumore mammario invasivo e di carcinoma duttale in situ (DCIS). I ricercatori dell’Erasmus Medical Centre di Rotterdam e colleghi statunitensi hanno utilizzato tre modelli consolidati di microsimulazione per simulare una coorte di donne statunitensi nate nel 1960. Tutte le donne hanno partecipato a uno screening biennale a partire dai 50 anni fino a età diverse, dai 74 ai 96 anni. Gli autori dello studio hanno stimato gli anni di vita guadagnati (LYG), gli anni di vita vissuti in salute (QALY), le morti per tumore mammario evitate, i falsi positivi e il numero di donne che hanno ricevuto sovradiagnosi ogni 1.000 esami eseguiti. I modelli hanno predetto da 7,8 a 11,4 LYG ogni 1.000 esami nelle donne di 74 anni (range per tutti i modelli considerati), che tuttavia si riducevano a 4,8 – 7,8 LYG ogni 1.000 esami all’età di 80 anni e a 1,4 – 2,4 LYG ogni 1.000 esami a 90 anni. Quando aggiustati per il deterioramento della qualità di vita, i LYG sono diminuiti del 5 – 13% all’età di 74 anni e dell’11 – 22% a 80 anni. A 90 – 92 anni, tutti i LYG erano controbilanciati da una perdita di qualità di vita, principalmente per il maggior numero di tumori mammari sovradiagnosticati ogni 1.000 esami: 1,2 – 5,0 a 74 anni, 1,8 – 6,0 a 80 anni e 3,7 – 7,5 a 90 anni. L’età in cui i danni iniziavano a superare i benefici si è abbassata quando si assumevano perdite di utilità più ampie o più lunghe per una diagnosi di tumore mammario. In conclusione, il bilancio tra benefici e danni dello screening mammografico diventa meno favorevole dopo i 74 anni. A 90 anni, i danni superano i benefici, prevalentemente come conseguenza delle sovradiagnosi; questa età è stata identificata da tutti i tre modelli, malgrado le grandi differenze tra modelli nelle assunzioni relative a DCIS.

Benefits and harms of mammography screening after age 74 years: model estimates of overdiagnosis. Journal of the National Cancer Institute 2015 May 6;107(7)
TORNA INDIETRO