Medinews
30 Luglio 2015

Anno II – numero 11 – Luglio 2015COSTO-EFFICACIA DELLO SCREENING MULTIPLO CON BIOMARCATORI PREDITTIVI NEL TUMORE DEL POLMONE NON A PICCOLE CELLULE


Le linee guida raccomandano uno screening di popolazione per le mutazioni di EGFR (epidermal growth factor receptor) e dei riarrangiamenti del gene ALK (anaplastic lymphoma kinase) per aiutare nella scelta della terapia per il tumore del polmone non a piccole cellule (NSCLC). I ricercatori del Massachusetts General Hospital, Dana-Farber Cancer Institute, Brigham and Women’ Hospital, Harvard University di Boston, hanno stimato la costo-efficacia dello screening multiplo con biomarcatori predittivi nel NSCLC metastatico in una prospettiva sociale negli Stati Uniti. Gli autori dello studio pubblicato sulla rivista Journal of Thoracic Oncology hanno, a questo scopo, costruito un modello di microsimulazione per confrontare l’aspettativa di vita e i costi del test multiplo e della terapia guidata dal difetto molecolare vs il trattamento con cisplatino e pemetrexed (CisPem). Tutti gli interventi (test) includevano un algoritmo a due ‘step’ del test della mutazione di EGFR e contemporanea iper-espressione di ALK con immunoistochimica seguita da conferma del riarrangiamento di ALK con il metodo di ibridazione in situ nel caso i risultati fossero stati positivi all’immunoistochimica. Sono state considerate tre strategie: l’approccio ‘test-treat’, dove la terapia guidata dal difetto molecolare era iniziata dopo l’ottenimento dei risultati del test; la ‘terapia di switch sperimentale’, con CisPem e test contemporaneo e passaggio immediato al trattamento specifico sulla base dei risultati del test dopo un ciclo di CisPem e la ‘terapia sperimentale’, approccio in cui il CisPem è stato somministrato per 4 cicli prima di iniziare la terapia con un inibitore delle tirosin-chinasi. I risultati indicano che il rapporto incrementale di costo-efficacia per il ‘test-treat’, rispetto al trattamento con CisPem, era pari a $ 136.000 per anni di vita guadagnati vissuti in salute; entrambi gli approcci sperimentali mostravano rapporti incrementali di costo-efficacia meno favorevoli. Gli approcci ‘test-treat’ e ‘terapia di switch sperimentale ‘ hanno ottenuto ‘outcome’ attesi più alti in termini di anni di vita vissuti in salute e anni-vita, rispetto all’approccio con ‘terapia sperimentale’. Questi risultati sono consistenti nei diversi intervalli plausibili inclusi nel modello. In conclusione, da una prospettiva sociale i risultati di costo-efficacia supportano il valore dello screening genetico multiplo e della terapia guidata dal difetto molecolare nel NSCLC metastatico.

Cost-effectiveness of multiplexed predictive biomarker screening in non-small-cell lung cancer. Journal of Thoracic Oncology 2015 Apr;10(4):586
TORNA INDIETRO