giovedì, 25 febbraio 2021
Medinews
14 Aprile 2015

AIFA: RICONDUCIBILI AI VACCINI IL 9% DELLE SEGNALAZIONI DI REAZIONI AVVERSE

Ammontano a 3.727 le segnalazioni spontanee di sospette reazioni avverse ai vaccini insorte nel 2013. Si tratta del 9% del totale (40.957 fra vaccini e farmaci). Quanto alla gravità, l’84% delle segnalazioni di reazioni avverse insorte nel 2013 risulta non grave, mentre le gravi sono il 12%. Nel 4% dei casi la gravità non è stata definita. Sette segnalazioni su 8 fra quelle fatali riguardavano vaccini antinfluenzali. E’ quanto rivela il 4° Rapporto sulla sorveglianza postmarketing dei vaccini in Italia dell’AIFA. Circa il 78% delle segnalazioni (2.915) relative ai vaccini ha riguardato i bambini fino a 11 anni, il 5% gli adolescenti, l’11% gli adulti e il 6% gli ‘over 65’. Rispetto al 2012 si è osservato un forte aumento della segnalazione nella fascia di età 1 mese-2 anni (dal 34 al 63%). Oltre la metà delle segnalazioni del 2013 ha riguardato i vaccini batterici. Il tasso di segnalazione osservato è di 11,7 per 100.000 dosi per i vaccini virali, 49,1 per i vaccini batterici, 78,9 per i vaccini batterici e virali in associazione. Tassi di segnalazione elevati sono stati riscontrati per i vaccini per la varicella (165,8 per 100.000 dosi) e diarrea da rotavirus (123,7 per 100.000 dosi). 100.000). Per quanto riguarda i vaccini virali la maggiori parte delle segnalazioni ha riguardato i vaccini contro il morbillo, parotite e rosolia o morbillo, parotite, rosolia e varicella (90.5 per 100.000), i vaccini per la varicella (165.8 per 100.000), i vaccini antinfluenzali (1.8 per 100.000) e i vaccini contro il papillomavirus (30 per 100.000).
TORNA INDIETRO