Medinews
13 Ottobre 2015

AIFA: DOPO GLI 85 ANNI CALA LA PRESCRIZIONE DI FARMACI

La prescrizione e l’assunzione di farmaci aumenta progressivamente con l’età, ma cala nei pazienti over85. Lo rivela l’ultimo studio condotto dal Geriatric working group dell’AIFA e recentemente pubblicato sul “Journal of the American Medical Directors Association”. Agli over-85 sono prescritti in media meno di 3 farmaci al giorno contro i 7 dei pazienti fra i 65 e gli 85 anni di età. La ricerca basata sul database dell’OSMED ha coinvolto un campione di 3 milioni e 400mila over65, rappresentativo di circa il 27% dell’intera popolazione Italiana. “È uno dei primi studi che valuta l’andamento delle prescrizioni farmacologiche nella popolazione più anziana – commenta il Presidente dell’AIFA Sergio Pecorelli –. Smentisce l’assunto per cui l’uso dei medicinali aumenti con l’avanzare dell’età. Conclusioni che in uno dei Paesi “più longevi e vecchi del mondo” come il nostro offrono spunti di analisi per comprendere e migliorare l’appropriatezza prescrittiva in questa particolare popolazione, purtroppo ancora poco indagata”. “Molti farmaci non sono testati nei pazienti molto anziani. – spiega il Direttore Generale Luca Pani -. Questo studio è di supporto nell’orientare i medici ad una prescrizione ottimale nella popolazione geriatrica, inoltre attraverso questi dati, anche noi regolatori, abbiamo un quadro più chiaro delle aree di intervento e degli aspetti da indagare per favorire un impiego dei farmaci sempre più razionale, sicuro e efficace”.
TORNA INDIETRO