Anno II – Numero 75 – 9 dicembre 2021
Comitato scientifico editoriale: Saverio Cinieri, Francesco Perrone, Massimo Di Maio, Antonio Russo
Editore: Intermedia – Direttore Responsabile: Mauro Boldrini – Reg. Trib. di Brescia n.35/2001 del 2/7/2001

Lo studio pubblicato su “The Lancet Oncology”

COVID-19: CONSEGUENZE DEL VIRUS NEI PAZIENTI ONCOLOGICI E RISULTATI DELLE CURE ANTI-CANCRO

I risultati migliori sono stati rilevati tra coloro che hanno ripreso i trattamenti antitumorali modificandone le dosi o il regime rispetto a coloro che li hanno interrotti

In uno studio europeo retrospettivo pubblicato su The Lancet Oncology, David J. Pinato e colleghi hanno osservato che una grande percentuale di pazienti oncologici, guariti dall’infezione da COVID-19, presentava postumi in grado di influenzare la sopravvivenza e i risultati delle terapie anti cancro. Nei pazienti in terapia sistemica antitumorale, i risultati migliori sono stati rilevati tra coloro che hanno ripreso la terapia modificandone le dosi o il regime, rispetto a coloro che hanno interrotto il trattamento. Lo studio riguardava i dati dell’European OnCovid registry su pazienti di età pari o superiore a 18 anni con esperienza di cancro e infezione confermata da COVID-19, in alcuni centri in Belgio, Francia, Germania, Italia, Spagna, e Regno Unito. I pazienti con diagnosi di infezione SARS–CoV-2 tra febbraio 2020 e febbraio 2021 erano eleggibili…continua a leggere


Annals of Oncology

CARATTERISTICHE CLINICHE LIMITANTI LA DURATA DELLA RISPOSTA ANTICORPALE DI BNT162b2 IN PAZIENTI AFFETTI DA TUMORI SOLIDI

V. Di Noia, F. Pimpinelli, D. Renna, V. Barberi, R. Pellini, A. Morrone, D. Giannarelli e F. Cognetti – Istituto Nazionale Tumori Regina Elena Roma

Recentemente sono state dal nostro gruppo pubblicate evidenze sulla reazione immune e sugli effetti collaterali di BNT in un gran numero di pazienti affetti da neoplasie solide (Clin Cancer Res September 28, 2021). Nello studio pubblicato on line su “Annals of Oncology” è descritta la reazione immune al vaccino dopo quindici settimane dalla prima dose (TP3) in una vasta serie di pazienti oncologici. Il disegno dello studio ed i criteri di inclusione ed esclusione dei pazienti sono stati riportati nello studio precedente. La valutazione quantitativa degli anticorpi è stata eseguita utilizzando il Liason Chemiluminescent – Immunoassay (Diasorin). Gli anticorpi neutralizzanti non sono stati valutati in questa analisi perché, come abbiamo precedentemente dimostrato, i loro livelli erano significativamente correlati con i titoli delle IgG anti-S.
..continua a leggere


ABC 6 INTERNATIONAL CONSENSUS CONFERENCEOMSECDC

TUMORE DEL SENO AVANZATO: VANTAGGI E CRITICITÀ DELL’ASSISTENZA DA REMOTO

Le pazienti con tumore del seno in stadio avanzato dovrebbero essere vaccinate al più presto contro il COVID-19 e la seconda dose dovrebbe essere somministrata in tempi brevi, non più tardi di tre o quattro settimane dopo la prima. È il messaggio che viene dal meeting virtuale della Advanced Breast Cancer Sixth International Consensus Conference (ABC 6).1 Il prof. Alexandru Eniu, oncologo medico e primario all’Hôpital Riviera-Chablais di Rennaz (Svizzera), ha riferito durante il meeting che i dati ad oggi mostrano...continua a leggere


“CELL”

COVID: CELLULE IMMUNITARIE IN PAZIENTI SUGGERISCONO NUOVE CURE

La scoperta di una presenza di specifiche cellule immunitarie nei pazienti affetti da gravi forme di Covid apre prospettive importanti nella prognosi e nel trattamento della malattia. Lo studio scientifico, pubblicato su “Cell”, è stato condotto a Siena, nella UOC Malattie dell’Apparato respiratorio dell’Azienda ospedaliero-universitaria Senese Le Scotte, ed è stato coordinato dalla professoressa Elena Bargagli, responsabile del centro di riferimento regionale per le malattie rare polmonari, insieme alla ricercatrice Laura Bergantinicontinua a leggere


 




NO AL PLASMA CONVALESCENTE NEI PAZIENTI NON GRAVI

L’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS) esprime “una forte raccomandazione contro l’uso del plasma convalescente in pazienti con malattia grave e una raccomandazione contro il suo impiego in pazienti con malattia grave e critica, tranne che nell’ambito di un trial randomizzato controllato”. L’indicazione, pubblicata su ‘The Bmj’, arriva dal gruppo di esperti internazionali incaricato di stilare le linee guida dell’agenzia ginevrina. “Nonostante le promesse iniziali – osservano – le evidenze attuali mostrano che…continua a leggere


UNIONE EUROPEA

OBBLIGO VACCINALE, VON DER LEYEN: “DISCUTIAMONE”

È ora che l’Unione europea inizi a “discutere” dell’opportunità di introdurre l’obbligo vaccinale contro il Covid-19. Così la Presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen, rispondendo, in conferenza stampa a Bruxelles, a una domanda riguardo alle sanzioni previste dalla Grecia per gli ultrasessantenni che rifiutano di vaccinarsi. E, ricordando che ci sono ancora circa 150 mln di individui che non hanno ricevuto la vaccinazione, anche se molti di loro potrebbero proteggersi dalla malattia provocata da SARS-CoV-2,…continua a leggere

 


VARIANTE OMICRON: “IL RISCHIO COMPLESSIVO È VALUTATO DA ALTO A MOLTO ALTO”

“Il numero di Paesi che segnalano casi di Omicron a livello globale e nell’UE continua ad aumentare. Esistono numerose incertezze intorno a Omicron in termini di trasmissibilità, gravità e potenziale di fuga immunitaria, sebbene i dati preliminari suggeriscano un vantaggio sostanziale rispetto alla variante Delta. Sulla base dei modelli matematici condotti dall’ECDC, ci sono indicazioni che Omicron potrebbe causare oltre la metà di tutte le…continua a leggere


EMA

VACCINI PFIZER E MODERNA, RISCHIO MIOCARDITI “MOLTO RARO”

Il rischio di miocarditi o pericarditi, dopo il vaccino anti-Covid con i prodotti a mRna di Pfizer/BioNTech e Moderna, è per entrambe le condizioni “molto raro”. La definizione corrisponde a un numero di persone potenzialmente colpite che può arrivare fino a circa un vaccinato su 10mila, specie giovani maschi. Lo comunica l’Agenzia europea del farmaco (EMA), sulla base dell’ultimo aggiornamento da parte del Comitato di farmacovigilanza Prac…continua a leggere

 




Per iscriversi alla newsletter e contattare la redazione clicca qui
Per consultare tutti i numeri della newsletter vai su www.aiom.it  oppure clicca qui

Per sospendere la ricezione di questa newsletter clicca su Cancellati
Privacy
Questa pubblicazione è resa possibile grazie alla sponsorizzazione non condizionante di:

Astellas Pharma SpA,
Roche SpA, Takeda Italia S.p.A.
Daiichi Sankyo Italia SpA,
Amgen Srl, AstraZeneca S.p.A.
Eli Lilly Italia SpAEisai Srl, Genomic Health Italia Srl,
Incyte Biosciences Italy Srl, Bayer SpA