Anno II – Numero 67 – 14 ottobre 2021
Comitato scientifico editoriale: Giordano Beretta, Saverio Cinieri, Massimo Di Maio, Antonio Russo
Editore: Intermedia – Direttore Responsabile: Mauro Boldrini – Reg. Trib. di Brescia n.35/2001 del 2/7/2001

Intervista a Diane E. Meier, direttrice emerita del Center to Advance Palliative Care

IL COVID-19 HA MESSO IN LUCE IL RUOLO DELLA MEDICINA PALLIATIVA

La pandemia di COVID-19 ha evidenziato la tragedia dei pazienti che muoiono in isolamento, lontano dai familiari e dagli amici, per limitare l’infezione nelle strutture ospedaliere. Questa procedura ha cambiato il modo di vivere le malattie gravi sia per i pazienti che per le persone a loro care, compresa la capacità di sopportare il dolore, di scambiarsi parole e sentimenti importanti e di offrire conforto. La pandemia ancora in atto ha riportato alla mente l’importanza del contatto umano e del sostegno in qualsiasi momento, specialmente nel caso di malattie gravi, e del contributo fondamentale che le cure palliative offrono per sostenere i rapporti umani, riducendo la sofferenza fisica, emotiva e spirituale dei pazienti.
Per circa quarant’anni, Diane E. Meier, MD, FACP, FAAHPM, Director Emerita and Strategic Medical Advisor, Center to Advance Palliative Care; Co-Director, Patty and Joy Baker National Palliative Care Center; Professor, Department of Geriatrics and Palliative Medicine; and Catherine Gaisman Professor of Medical Ethics, Icahn School of Medicine at Mount Sinai in New York City, ha fatto delle cure palliative e della medicina geriatrica il fulcro della sua carriera medica. Nel 1997, la prof.ssa Meier ha fondato l’Hertzberg Palliative Care Institute al Mount Sinai, con lo scopo di migliorare la continua a leggere


Simposio Presidenziale ESMO

RISPOSTA ANTICORPALE ADEGUATA AL VACCINO CONTRO SARS-COV-2 NEI PAZIENTI IN CHEMIOTERAPIA O IMMUNOTERAPIA

La maggior parte ma non tutti i pazienti sottoposti a chemioterapia o immunoterapia per tumori solidi ha sviluppato risposta immunitaria adeguata dopo due dosi di vaccino mRNA-1273, senza nuove indicazioni per la sicurezza

I risultati presentati al terzo Simposio Presidenziale dell’ESMO 2021 offrono una panoramica dell’impatto della chemioterapia e dell’immunoterapia su immunogenicità e sicurezza della vaccinazione contro il SARS-CoV-2. Uno studio prospettico ha confrontato la risposta immunitaria e la sicurezza in quattro coorti: persone non affette dal cancro, pazienti con tumori solidi trattati con immunoterapia … continua a leggere


Evidenze dal Congresso ESMO 2021Gruppo di lavoro ISS-Ministero della SaluteRegione Piemonte

I VACCINI ANTI-COVID-19 PROTEGGONO I PAZIENTI ONCOLOGICI 

Dati importanti confermano che la vaccinazione contro il COVID-19 è efficace nei pazienti con cancro e molti studi dimostrano la sicurezza dei vaccini in questa popolazione. La terza dose “booster” può migliorare la risposta immunitaria nei pazienti non sufficientemente protetti.
L’attesa conferma dell’efficacia della vaccinazione anti-COVID-19 nei pazienti oncologici è arrivata in tempo per essere annunciata al grande pubblico durante il Congresso annuale della Società Europea di Oncologia  Medica (ESMO), la principale società di professionisti in oncologia medica. Molti gli studi presentati al Congresso a supporto di queste conclusioni, dove nuove ricerche hanno confermato che i pazienti oncologici presentano ... continua a leggere


Sondaggio ESMO della Resilience Task Force

DOPO IL COVID-19, ALCUNI ONCOLOGI MEDICI PENSANO DI ABBANDONARE LA PROFESSIONE

Sono stati evidenziati i deleteri effetti del prolungato orario di lavoro e dei cambiamenti nella routine clinica che potrebbero condizionare le prospettive future di carriera.
Fin dallo scoppio della pandemia di Covid-19 nel 2020, è aumentata la preoccupazione che i cambiamenti della routine clinica e dell’equilibrio tra lavoro e vita privata possano avere effetti deleteri sul benessere del personale sanitario oncologico con, in definitiva, un impatto sulla qualità dell’assistenza oncologica. I risultati del terzo sondaggio realizzato dalla Resilience Task Force di ESMO a febbraio/marzo 2021 mostrano che gli oncologi medici sono stati travolti dallo scenario creato dall’attuale pandemia e più di un terzo … continua a leggere


ELEVATA EFFICACIA 7 MESI DOPO LA SECONDA DOSE

L’efficacia dei vaccini anti-Covid a mRNA – Pfizer e Moderna – resta alta nel tempo, fino a 7 mesi dalla seconda dose. Cala, però, per la variante Delta. Sono alcuni dei dati diffusi dall’Istituto superiore di sanità (Iss), sulla base del quarto report a cura del Gruppo di lavoro Iss-Ministero della Salute ‘Sorveglianza vaccini Covid-19’.
Almeno nella popolazione generale per la quale, “a 7 mesi dalla seconda dose” di vaccino “non si osserva una riduzione significativa di efficacia in termini di protezione dall’infezione (sintomatica o asintomatica), che rimane dell’89%. Anche contro il ricovero e il decesso la protezione resta elevata (96% e 99%) a 6 mesi dalla … continua a leggere


Vaccino Johnson & Johnson

EFFICACIA AL 94% CON SECONDA DOSE

Il vaccino Johnson&Johnson raggiunge il 94% di efficacia per la protezione dalla malattia moderata o grave con la seconda dose a 2 mesi dalla prima. Lo annuncia il gruppo farmaceutico americano, comunicando “nuovi dati che confermano una protezione forte e duratura conferita dal vaccino”, effetto che “aumenta quando viene fatto un richiamo” con lo stesso farmaco. Il profilo di sicurezza è rimasto coerente”, e il vaccino “è stato generalmente ben tollerato”, anche “quando somministrato come richiamo”.
J&J ha sottoposto i dati all’agenzia americana del farmaco FDA e prevede di presentarli anche ad altri enti regolatori, all’Organizza-zione mondiale della sanità e ai gruppi consultivi … continua a leggere


 


NUOVO CENTRO DI FARMACOVIGILANZA ACCREDITATO AIFA

La Regione Piemonte ha istituito un nuovo Centro di farmacovigilanza con l’obiettivo di contribuire in modo attivo alla rete nazionale e internazionale di sorveglianza sulle reazioni avverse da farmaci e vaccini. Come responsabile scientifico è stato indicato Armando Genazzani, docente ordinario di farmacologia e direttore del Dipartimento di scienze del farmaco dell’Università del Piemonte Orientale, e componente anche dell’EMA, l’Agenzia europea del farmaco. Il referente regionale è il responsabile del settore assistenza farmaceutica, integrativa e protesica, Laura Poggi.
“La farmacovigilanza – sottolinea l’assessore … continua a leggere


Allarme ECDC

‘A RISCHIO PAESI CON TASSI BASSI DI VACCINO COVID’

I Paesi UE e dello Spazio Economico Europeo che non hanno ancora raggiunto tassi di vaccinazione sufficientemente alti contro il Covid 19, e che prevedono di allentare le misure di prevenzione nelle prossime settimane, sono “ad alto rischio” di registrare un aumento “significativo” di casi positivi, di ospedalizzazioni e di morti, entro la fine di novembre. Lo scrive l’ECDC nel Rapid Risk Assessment.
Il rischio è legato alla circolazione “molto elevata” del SARS-CoV-2: gli individui vulnerabili, anche se interamente vaccinati, “sono ancora a rischio di sviluppare l’infezione, con esiti gravi”. Finora, sottolinea l’ECDC, solo il 61% della popolazione totale dell’UE e del SEE …
continua a leggere

 




Per iscriversi alla newsletter e contattare la redazione clicca qui
Per consultare tutti i numeri della newsletter vai su www.aiom.it  oppure clicca qui

Per sospendere la ricezione di questa newsletter clicca su Cancellati
Privacy
Questa pubblicazione è resa possibile grazie alla sponsorizzazione non condizionante di:

Astellas Pharma SpA,
Roche SpA, Takeda Italia S.p.A.
Daiichi Sankyo Italia SpA,
Amgen Srl, AstraZeneca S.p.A.
Eli Lilly Italia SpAEisai Srl, Genomic Health Italia Srl,
Incyte Biosciences Italy Srl, Bayer SpA