Anno I – Numero 7 –  25 giugno 2020
Comitato scientifico editoriale: Giordano Beretta, Saverio Cinieri, Massimo Di Maio, Antonio Russo
Editore: Intermedia – Direttore Responsabile: Mauro Boldrini – Reg. Trib. di Brescia n.35/2001 del 2/7/2001

Il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha accolto la richiesta di oncologi, ematologi e cardiologi

COVID: “AL VIA IL TAVOLO TECNICO PER I TUMORI E LE MALATTIE DEL CUORE”

È stato istituito, su proposta di Fondazione Insieme contro il Cancro, il Tavolo Tecnico del Ministero della Salute formato da oncologi, ematologi e cardiologi, per gestire i pazienti colpiti da queste tre patologie durante l’emergenza della pandemia Covid-19. Fanno parte del Tavolo Tecnico le società scientifiche di riferimento, Fondazione Insieme contro il Cancro con AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica), SIE (Società Italiana di Ematologia) e Fondazione Italiana Cuore e Circolazione Onlus con SIC (Società Italiana di Cardiologia), che, nelle scorse settimane, hanno stilato la “Proposta di gestione dei pazienti in Oncoematologia, Oncologia e Cardiologia nella fase 2 dell’infezione da Covid-19”. Il Documento è stato inviato e accolto dal Ministro della Salute, Roberto Speranza.
“La richiesta di istituire il Tavolo tecnico era stata avanzata nella conferenza stampa promossa lo scorso 28 aprile dalle società scientifiche – spiega Francesco Cognetti, Presidente di Fondazione Insieme contro il Cancro e coordinatore del Tavolo Tecnico -. Ringraziamo il Ministro Speranza, per aver accolto la nostra richiesta. Nel Documento, nel capitolo relativo alla gestione dei pazienti oncologici, è evidenziato che i cittadini con tumori e malattie del cuore (circa 11 milioni di persone in Italia) sono fragili e rischiano di vedere compromesse le opportunità di cura a causa della pandemia Covid-19. Questi pazienti infatti sono andati incontro a sospensioni di terapie o cancellazioni di interventi chirurgici, visite di controllo e altri gravi inconvenienti, su cui bisogna al più presto intervenire. Le problematiche sono ben illustrate nell’introduzione al capitolo dei pazienti oncologici. Per questo, è essenziale stilare quanto prima linee guida e protocolli di trattamento per queste categorie di pazienti, uniformi sul territorio nazionale, anche per evitare disparità regionali”.
La decisione di istituire il Tavolo Tecnico è scaturita dopo una riunione delle società scientifiche di riferimento con il prof. Franco Locatelli, Presidente del Consiglio Superiore di Sanità e membro del Comitato tecnico scientifico della Protezione Civile, delegato del Ministro della Salute, onorevole Speranza. “Il Tavolo tecnico nasce, quindi, per uniformare i percorsi di assistenza, identificando linee guida e protocolli attraverso il coinvolgimento delle società scientifiche – afferma Francesco Cognetti .
..continua a leggere



LE REGIONI  COVID, SARDEGNA: “SERVE SUBITO LA RETE ONCOLOGICA PER AFFRONTARE LA SECONDA ONDATA”

di Daniele Farci
Coordinatore AIOM Sardegna e Responsabile Oncologia Nuova Casa di Cura Decimomannu (CA) 

1373 casi accertati di infezione da COVID-19 con 132 decessi. Questi i numeri, al 23 giugno 2020, della pandemia da coronavirus in Sardegna. Con un aspetto peculiare: circa i tre quarti dei casi sono stati registrati a Sassari e provincia, quindi nel Nord dell’isola, mentre a Cagliari e in generale nel resto della Sardegna la diffusione dell’infezione è stata molto bassa. Il picco di incidenza nel Sassarese si spiega con un caso iniziale nell’Ospedale SS. Annunziata, che, in un momento di totale impreparazione ad affrontare tali problematiche, si diffuse rapidamente tra il personale sanitario e la popolazione. Nella maggior parte dei casi si è riusciti a controllare la malattia con pochi ricoveri nelle Terapie Intensive, peraltro pochissime nell’Isola, e la maggior parte dei decessi ha riguardato persone anziane e con comorbidità.
La comunità oncologica della Sardegna ha rapidamente seguito, durante la fase 1 dell’infezione, le indicazioni dell’AIOM, proseguendo le terapie antitumorali non differibili e valutando di caso in caso la possibilità di allungare di qualche giorno l’intervallo tra le terapie, in modo da ridurre gli accessi in ospedale…continua a leggere

Per vedere l’intervista sul canale YouTube di AIOM clicca qui.


IL LIBROLO STUDIO LA LETTERA DI FICOG, AIOM E FAVO 
“I SANITARI CAPACI DI REINVENTARE IL LORO RUOLO, MA ATTENZIONE ALLE FAKE NEWS”
Intervista a Alessandra Ferretti, giornalista scientifica

“SARS-CoV-2 imparare dal virus. Opportunità e criticità per l’oncologia di domani” (Aliberti e-stories) è il titolo del libro scritto dalla giornalista scientifica Alessandra Ferretti, che durante l’emergenza da Covid-19 è entrata in sei reparti di Oncologia medica e in uno di Ricerca Traslazionale di altrettanti ospedali del nostro Paese, per capire come questi abbiano affrontato la doppia sfida di proteggere i pazienti oncologici dall’infezione, garantendo loro contemporaneamente cure e trattamenti. Un capitolo è dedicato all’intervista al Presidente nazionale AIOM e Responsabile Oncologia Medica Humanitas Gavazzeni di Bergamo, Giordano Beretta. Oltre al Presidente Beretta, compaiono altri 6 Direttori di Oncologia e Ricerca Traslazionale durante il Covid-19: Carmine Pinto (Santa Maria Nuova Reggio Emilia), Paolo Pedrazzoli (San Matteo Pavia), Filippo De Braud (Istituto Tumori Milano), Vittorina Zagonel (IOV Padova), Giampaolo Tortora (Gemelli Roma) e Nicola Normanno (Istituto Tumori Napoli)…
continua a leggere


CORONAVIRUS: 1,7 MLD PERSONE NEL MONDO CON PATOLOGIA PREESISTENTE 

Nel mondo una persona su cinque, circa 1,7 miliardi, ha una patologia che potrebbe aumentare il rischio di morte, in caso di infezione da Covid-19. La stima è della London School of Hygiene & Tropical Medicine, che l’ha pubblicata su Lancet Global Health, e vede l’Europa come il continente con la percentuale di persone a rischio maggiore per l’età media più alta. Il calcolo è stato fatto sulla base dei dati del Global Burden of Diseases, lo studio che ha stimato la prevalenza mondiale delle principali patologie e dei dati emersi sulle malattie preesistenti che peggiorano l’infezione, dai tumori alle patologie cardiovascolari al diabete fino ai problemi respiratori. I Paesi con una popolazione più giovane, sottolinea lo studio, hanno una percentuale minore di persone a rischio. In Africa, ad esempio, sono il 16%, mentre all’altro estremo c’è l’Europa con il 31% della popolazione che ha almeno una malattia, circa 231 milioni di persone. “Con i Paesi che escono progressivamente dal lockdown – commenta Andrew Clark, uno degli autori -, le Istituzioni cercano modi per proteggere i più vulnerabili da un virus che sta ancora circolando…continua a leggere

“VA RIVISTA LA NORMATIVA SUL CONFLITTO DI INTERESSI. RISCHIAMO IL BLOCCO DELLA RICERCA”
“Chiediamo alle Istituzioni della Repubblica un intervento legislativo che modifichi l’attuale normativa sul conflitto di interessi in tema di sperimentazioni cliniche. Bisogna garantire al tempo stesso l’indipendenza, la trasparenza, i diritti ma anche la possibilità, per i ricercatori italiani, di realizzare le migliori cure possibili per i malati di cancro”. La richiesta è contenuta in una lettera aperta inviata al Presidente del Consiglio dei Ministri Giuseppe Conte, della Camera Roberto Fico, del Senato Maria Elisabetta Alberti Casellati e al Ministro della Salute Roberto Speranza. La missiva è firmata dalla Federation of Italian Cooperative Oncology Groups (FICOG), dall’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM) e dalla Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia (FAVO)continua a leggere

IL SONDAGGIO 
TUMORI: “IL 70% DEI PAZIENTI TEME IL CONTAGIO DA COVID”
I malati di cancro promuovono l’oncologia italiana per la gestione dell’emergenza Covid. Il 93% dei pazienti dichiara che lo staff sanitario è stato sempre raggiungibile via telefono o mail in questi ultimi mesi. Per il 97% i centri oncologici hanno pienamente rispettato continua a leggere

Per iscriversi alla newsletter e contattare la redazione clicca qui  
Per consultare tutti i numeri della newsletter vai su www.aiom.it . Clicca qui

Per sospendere la ricezione di questa newsletter clicca su Cancellati
Privacy
Questa pubblicazione è resa possibile grazie alla sponsorizzazione non condizionante di:
Bristol-Myers Squibb SrlAstellas Pharma SpA
Menarini Ricerche SpA
Roche SpA
Novartis Farma SpA
Pfizer Srl
Amgen SpA
Daiichi Sankyo Italia SpA
Incyte Biosciences Italy Srl
Ipsen SpA
Sanofi Genzyme
Bayer SpA, Eisai Srl, Eli Lilly Italia SpA, Genomic Health Italia Srl