Anno I – Numero 6 –  18 giugno 2020
Comitato scientifico editoriale: Giordano Beretta, Saverio Cinieri, Massimo Di Maio, Antonio Russo
Editore: Intermedia – Direttore Responsabile: Mauro Boldrini – Reg. Trib. di Brescia n.35/2001 del 2/7/2001

SPECIAL REPORT ASCO: LA GUIDA PER RIPRENDERE LE CURE DURANTE LA PANDEMIA

La Società Americana di Oncologia Clinica (ASCO) ha pubblicato ASCO Special Report: A Guide to Cancer Care Delivery During the COVID-19 Pandemic, una guida dettagliata alle pratiche oncologiche da mettere in atto nell’immediato e a breve termine per proteggere la sicurezza dei pazienti e delle equipe mediche, prima di riprendere le operazioni di routine durante la crisi sanitaria dovuta al COVID-19. 

La pandemia COVID-19 ha richiesto alle strutture oncologiche, negli Stati Uniti e in Europa, di predisporre cambiamenti a livello operativo per proteggere la sicurezza dei pazienti e dello staff sanitario e per adeguarsi alla mancanza di risorse. Con l’attenuazione delle restrizioni determinate dalla pandemia, le oncologie stanno ripristinando in sicurezza l’accesso dei pazienti alla diagnostica, ai trattamenti e agli altri servizi essenziali.  

“Come oncologi, vogliamo fornire a ogni paziente l’assistenza oncologica migliore. La decisione di ridurre le attività durante la pandemia non è stata facile per le oncologie e per i fornitori di prestazioni sanitarie” ha affermato il Presidente ASCO, Howard A. “Skip” Burris. “La ripresa delle normali attività sarà lenta e progressiva. Ci auguriamo che questo report possa fornire alle oncologie la guida di cui hanno bisogno per determinare quando e come tornare alla nuova normalità, mentre l’impatto della pandemia comincia ad allentarsi.”

“Ad aprile, nel pieno dell’emergenza legata alla pandemia – ha spiegato Massimo Di Maio, Segretario AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica) e Direttore Oncologia dell’Ospedale Mauriziano, Università degli Studi di Torino -, ho avuto il piacere di rappresentare AIOM in una tavola rotonda virtuale, organizzata da OncoAlert, a cui partecipava anche il presidente ASCO Howard ‘Skip’ Burris. In quell’occasione, è stato sottolineato da più voci il ruolo delle società scientifiche – in un momento di così grande incertezza – nel fornire informazioni utili ai propri associati su quali comportamenti seguire. Mi fa piacere ricordare che, sin dai primi giorni del lockdown, AIOM si è sforzata di fornire tempestive indicazioni sulle modalità di prosecuzione delle attività oncologiche, riducendo quanto più possibile i rischi per i pazienti e per gli operatori. Anche ASCO ha fatto lo stesso, e lo ‘Special Report’ ora pubblicato è una guida a tutti i più importanti aspetti da considerare nella gestione dell’emergenza…continua a leggere



LE REGIONI  COVID, PUGLIA: “DOPPIO TRIAGE PER ACCEDERE AL DAY HOSPITAL E TELEMEDICINA. COSÌ ABBIAMO AFFRONTATO L’EMERGENZA”

Intervista a Tiziana Latiano, Coordinatore AIOM Puglia

Dott.ssa Latiano, come è stata affrontata la fase acuta dell’emergenza Covid nelle oncologie della Puglia?
La Puglia è una Regione caratterizzata da una conformazione del tutto particolare, stretta e lunga e dalle caratteristiche nettamente diverse tra loro. Anche la densità di popolazione cambia da provincia a provincia e questo ha determinato anche una differente diffusione dei contagi con zone meno colpite e altre più toccate dal virus, come il Barese ed il Foggiano. In tutto questo, però, l’attività per i malati oncologici pugliesi non si è mai fermata, cercando, non senza qualche difficoltà, di restare sempre accanto a loro e proseguire i piani terapeutici senza alcuna interruzione. Abbiamo reso i nostri reparti “isole sicure” e, fortunatamente, il contagio dei pazienti oncologici, che pure c’è stato, non sembra essere avvenuto in numero tale da creare allarme. Su questo aspetto AIOM Puglia sta effettuando un progetto focalizzato nel raccogliere le informazioni dei malati di cancro affetti da COVID-19, allo scopo di generare dati utili ad indirizzare la pratica clinica per offrire la migliore cura possibile….continua a leggere

Per vedere l’intervista sul canale YouTube di AIOM clicca qui.


GIORNATA MONDIALE CONTRO IL TUMORE DEL RENEIL MINISTRO DELLA SALUTELO STUDIO
IL 30% DEI CASI È IN FASE AVANZATA, PIÙ ATTENZIONE AGLI STILI DI VITA SANI“


Diminuiscono i nuovi casi di tumore del rene in Italia. In tre anni, sono state registrate complessivamente 800 diagnosi in meno, con un calo del 6%. Erano 13.400 nel 2016, ne sono state stimate 12.600 nel 2019. Peraltro la diminuzione riguarda soltanto gli uomini (da 8.900 a 8.100), l’incidenza della neoplasia invece resta costante fra le donne (4.500). Preoccupa l’alto numero di casi scoperti in fase già avanzata, pari a circa il 30%. E resta la forte resistenza dei cittadini nei confronti della prevenzione primaria (no al fumo, attività fisica costante e dieta corretta). Nella lotta contro la malattia, infatti gli stili di vita rivestono un ruolo molto importante, in par
ticolare l’attività fisica. E proprio al movimento è dedicata la Giornata Mondiale contro il tumore del rene che si celebra oggi, promossa dall’International Kidney Cancer Coalition (IKCC), rete internazionale e indipendente di associazioni di pazienti provenienti da tutto il mondo (ne rappresenta circa 45). I temi della Giornata Mondiale sono stati presentati in una conferenza stampa virtuale, realizzata con il supporto di Ipsen.  …
continua a leggere


SPERANZA: “FIRMATO UN ACCORDO PER DOSI DEL VACCINO DI OXFORD” 

Insieme ai Ministri della Salute di Germania, Francia e Olanda, dopo aver lanciato nei giorni scorsi l’alleanza per il vaccino, il Ministro della Salute, Roberto Speranza, ha sottoscritto un contratto con AstraZeneca per l’approvvigionamento fino a 400 milioni di dosi di vaccino “da destinare a tutta la popolazione europea”. Il candidato vaccino nasce dagli studi dell’Università di Oxford e coinvolgerà nella fase di sviluppo e produzione anche importanti realtà italiane. La prima tranche di dosi arriverà entro la fine dell’anno. “L’impegno prevede che il percorso di sperimentazione, già in stato avanzato, si concluda in autunno con la distribuzione della prima tranche di dosi” ha spiegato il Ministro Speranza in un post su Fb del 13 giugno. “Con la firma di oggi arriva un primo promettente passo avanti per l’Italia e per l’Europa. Il vaccino è l’unica soluzione definitiva al Covid-19. Per me andrà sempre considerato un bene pubblico globale, diritto di tutti, non privilegio di pochi” ha spiegato il Ministro, che ha informato il Consiglio…continua a leggere

COVID, “CON LOCKDOWN EVITATI 3,1 MILIONI DI MORTI IN EUROPA” 

Misure draconiane e molto sofferte, che però avrebbero salvato milioni di vite umane. A promuovere i lockdown è una ricerca pubblicata online su ‘Nature’ dai ricercatori dell’Imperial College London (Gb): i blocchi su larga scala e altri interventi non farmacologici in Europa hanno avuto successo nel ridurre i livelli di trasmissione di Sars-CoV-2 e controllare la crescita dell’epidemia. Evitando, secondo uno studio di modellistica, circa 3,1 milioni di morti  … continua a leggere

EMA

CARENZA FARMACI ERA PEGGIORATA, ORA PRONTI PER SECONDA ONDATA”
In tempi di Covid il problema già preesistente delle carenze di farmaci si è aggravato. Le misure di confinamento hanno provocato vari effetti come la chiusura di fabbriche, la difficoltà di distribuzione e importazione di materie prime e principi attivi. I problemi hanno riguardato soprattutto sedativi, rilassanti, bloccanti muscolari, antibiotici, vasocostrittori, ma anche altri prodotti non usati nelle terapie intensive e per il Covid-19”. Lo ha evidenziato il direttore esecutivo della European Medicines Agency (Ema), Guido Rasi.continua a leggere

Per iscriversi alla newsletter e contattare la redazione clicca qui  
Per consultare tutti i numeri della newsletter vai su www.aiom.it . Clicca qui

Per sospendere la ricezione di questa newsletter clicca su Cancellati
Privacy
Questa pubblicazione è resa possibile grazie alla sponsorizzazione non condizionante di:
Bristol-Myers Squibb SrlAstellas Pharma SpA
Menarini Ricerche SpA
Roche SpA
Novartis Farma SpA
Pfizer Srl
Amgen SpA
Daiichi Sankyo Italia SpA
Incyte Biosciences Italy Srl
Ipsen SpA
Sanofi Genzyme
Bayer SpA, Eisai Srl, Eli Lilly Italia SpA, Genomic Health Italia Srl