domenica, 29 novembre 2020
Medinews
11 Febbraio 2005

STUDIO: SCOPERTE CELLULE CUORE CHE SI AUTORIGENERANO

Roma-Un gruppo di ricercatori dell’University of California a San Diego (La Jolla) ha identificato nel cuore dei neonati delle rare cellule staminali, che potrebbero essere usate per curare chi soffre di problemi cardiaci.
Lo studio, pubblicato oggi su “Nature” e condotto da Kenneth Chien, ha scoperto delle cellule progenitrici dello sviluppo precoce del cuore che mantengono la capacità di riprodursi. Tali cellule sono chiamate cardioblasti.
”Queste cellule – spiega Kenneth Chien, in grado di maturare fino a differenziarsi nei vari tipi di cellule che costituiscono il cuore, potrebbero essere estratte, fatte replicare in provetta fino ad ottenerne un gran numero e, quindi, trapiantate nel muscolo cardiaco”.
Infatti, si tratta di cellule progenitrici del cuore, che fino ad oggi si credeva fossero presenti solo nel feto. Invece alcune restano nei tessuti anche dopo la nascita, in una zona del cuore chiamata atrio. A differenza delle cellule staminali, sono in grado di dare origine ad un numero finito di divisioni e di dare origine ad un nuovo tessuto cardiaco, che può contrarsi spontaneamente.
Sarà così possibile curare i pazienti con disturbi cardiaci riparando direttamente le cellule del cuore o stimolando le cellule immature inducendole a moltiplicarsi e a diventare adulte direttamente nel cuore. Giuliano D’Ambrosio.
TORNA INDIETRO