domenica, 29 novembre 2020
Medinews
13 Gennaio 2003

FARMACI: MINOLI(FI), PDL SU TRASPARENZA PUBBLICITA’

Roma, 13 gen. (Adnkronos Salute) – ”Condivido le recenti dichiarazioni del ministro della Salute sulla necessita’ di nuove regole per garantire trasparenza per il settore farmaceutico, in particolare con un tavolo di concertazione che consenta anche una maggiore chiarezza sulla pubblicita’ e sulle reti commerciali delle industrie dei farmaci”.

Proprio con questo obiettivo, spiega in una nota Fabio Minoli, responsabile nazionale del Dipartimento farmaceutico di Forza Italia, e’ stato elaborato il testo di una proposta di legge, presentata alla Camera, che prevede la modifica della legge n. 541 del 1992 sulla pubblicita’ dei medicinali per uso umano. Nella proposta ”si e’ cercato – spiega Minoli – di fare maggiore chiarezza, soprattutto in relazione al rapporto tra informazione e vendita del farmaco, coinvolgendo anche tutti quei soggetti chiamati in causa nel processo di prescrizione e distribuzione dei medicinali. La recente discussione riguardante la proposta per costituire l’albo degli informatori scientifici del farmaco, di cui sono peraltro relatore in Commissione Affari Sociali – prosegue il parlamentare – ha fatto emergere la necessita’ di una revisione che non si puo’ limitare ad un solo aspetto, ma deve riguardare tutta la problematica che investe il settore”. Il controllo della spesa e dell’etica sanitaria non puo’ prescindere, sottolinea Minoli, da un approccio che coinvolga tutte le figure che si occupano dell’informazione scientifica, delle reti commerciali, dei medici che prescrivono, e dei farmacisti che informano e distribuiscono il farmaco.
Una legge non puo’ e non deve privilegiare alcune figure piuttosto che altre, aggiunge Minoli. ”Nella proposta che ho presentato, si e’ cercato di ovviare ai due estremi, favorendo una facile applicazione, ma chiarendo in modo inequivocabile i principi fondamentali che debbono guidare un settore ad alto impatto sociale”. Il recente clamore suscitato da un articolo pubblicato su ‘Lancet’, ”dimostra come sia un fenomeno diffuso usare pubblicita’ ingannevole servendosi di informazioni false sui farmaci. Un fenomeno, peraltro, che si verifica in un Paese europeo importante come la Spagna. Il problema – assicura il parlamentare – non esiste in Italia, dove l’attuale sistema garantisce gia’ un rigidissimo controllo da parte del ministero della Salute. Con le dovute modifiche alla legge 541 – conclude Minoli – l’Italia puo’ porsi come modello da seguire fra i paesi europei”.
TORNA INDIETRO