mercoledì, 19 giugno 2024
Medinews
22 Giugno 2016

Catanzaro capitale italiana della lotta al mieloma multiplo

Catanzaro, 22 giugno 2016 – Dal 30 giugno al 2 luglio Catanzaro ospiterà il workshop Multiple Myeloma 2016. Perspectives for a Paradigm Change. L’evento è organizzato dalla Società Italiana Immunologia, Immunologia Clinica e Allergologia (SIICA). Per tre giorni la città calabrese ospiterà i più importanti esperti internazionali che faranno il punto sulle ultime novità e le più moderne terapie contro il mieloma multiplo. Al campus universitario Magna Graecia sono attesi oltre 200 specialisti. “E’ un tumore del sangue relativamente raro e nel nostro Paese lo scorso anno ha colpito 4.500 italiani – affermano i proff. Pierfrancesco Tassone e Angelo Vacca presidenti del congresso di Catanzaro -. Il numero di nuovi casi e l’incidenza nei giovani sta tuttavia registrando un significativo aumento verosimilmente da attribuire all’impatto di fattori ambientali, quali l’esposizione a sostanze chimiche tossiche. Per molti anni la principale terapia è stata basata sull’uso di pochi farmaci chemioterapici e di steroidi. Nell’ultimo decennio, e soprattutto nell’ultimo anno, lo scenario terapeutico è significativamente migliorato con l’introduzione di diversi nuovi farmaci approvati dagli enti regolatori internazionali e recentemente resi disponibili ai pazienti. Alcune di queste cure stanno per raggiungere la commercializzazione anche in Europa. Diversi nuovi agenti sono il prodotto delle sofisticate biotecnologie attualmente disponibili e hanno portato a una recentissima e profonda revisione delle linee guida internazionali per il trattamento della malattia. Molto interessanti sono i recenti progressi dell’immuno-oncologia in questo specifico settore. L’impiego di anticorpi immuno-stimolanti sta dimostrando un forte impatto sulla progressione della malattia e sulla sopravvivenza dei pazienti con una buona qualità di vita grazie alla riduzione degli effetti collaterali rispetto alle vecchie cure”. “Una approfondita discussione di questi aspetti con i maggiori esperti internazionali – concludono Tassone e Vacca – dovrà anche tenere conto della effettiva sostenibilità del nuovo scenario terapeutico”. Il meeting si concluderà con una visione dello scenario prossimo futuro dove ricerca e nuove tecnologie determineranno un cambio di paradigma sulla curabilità definitiva di questa malattia”.
TORNA INDIETRO