Medinews
25 Marzo 2005

ASPIRINA-TERAPIA CONTRO POLIPI DEL COLON

Roma – Una terapia basata sulla somministrazione di aspirina può ridurre significatamene il rischio di polipi e del cancro al colon.
La scoperta è riportata su uno studio pubblicato dal Journal of the National Cancer Institute ed appare rivoluzionaria: è la prima volta che un farmaco si dimostra efficace nel favorire la regressione dei polipi, che sono collegati alla patologia e considerati segnali precancerosi.
Lo studio analizza i dati dal 1970 del Nurse’s Health Study dove più di 120.000 infermiere hanno compilato ogni due anni un questionario sui fattori di rischio e le eventuali diagnosi di varie forme tumorali e di patologie cardiovascolari.
“Numerosi studi –spiega il dott. Andrew T. Chan, gastroenterologo del Massachusetts General Hospital – effettuati in passato dal nostro team e da altri ricercatori hanno suggerito che l’aspirina può prevenire i polipi del colon, ma dato che la terapia a base di aspirina presenta dei rischi, sarebbe di grande utilità identificare i soggetti che possono realmente trarne beneficio. Per far questo abbiamo deciso di identificare il gene responsabile della sintesi dell’enzima che metabolizza l’aspirina, che si è scoperto avere delle varianti che rallentano l’intero processo”.
Grazie agli esami del sangue condotti tra il 1990 ed il 1998 nell’ambito del Nurse’s Health Study, i ricercatori hanno identificato 500 delle partecipanti alle quali era stato diagnosticato un adenoma e hanno confrontato i loro dati con un gruppo di controllo di donne senza polipi. Mentre l’incidenza dei polipi era significativamente minore nelle donne che assumevano aspirina regolarmente (due o più compresse alla settimana), questo beneficio è stato osservato soprattutto nelle partecipanti con forme mutanti dell’enzima noto come UGT1A6.
Giuliano D’Ambrosio
TORNA INDIETRO