giovedì, 26 novembre 2020
Medinews
6 Febbraio 2008

AIDS: VIA LIBERA IN EUROPA ALLA PILLOLA TRE IN UNA

È Atripla, la novità assoluta nel trattamento dell’HIV, sviluppata
grazie ad un accordo tra Bristol-Myers Squibb e Gilead Sciences

Roma, 18 dicembre 2007 – Oggi i pazienti riescono a convivere con l’Aids anche per molti anni grazie a cocktail di farmaci anti-HIV, ma ogni compressa va presa rispettando rigorosamente i diversi tempi e dosaggi. Finalmente c’è una novità di rilievo per i pazienti: giunge dalla Commissione Europea il via libera ad Atripla, il primo medicinale che riunisce 3 diverse molecole antiretrovirali in un’unica compressa, semplificando così l’assunzione della terapia. Non più dunque l’obbligo di assumere numerose volte al giorno più pillole, ma una terapia con una sola compressa in un’unica somministrazione quotidiana. Atripla, novità assoluta per l’Europa, contiene tre molecole anti-HIV già in uso (efavirenz 600mg/emtricitabina 200 mg/tenofovir disoproxil 300 mg). “La terapia dell’HIV prevede la combinazione di più farmaci e il rispetto di una complessa posologia – spiega Brian Gazzard, direttore del Centro Ricerche cliniche al Chelsea e Westminster Hospital di Londra – Atripla associa tre molecole anti-HIV di efficacia e stabilità provata in una singola pillola da assumere una volta al giorno e rappresenta un importante traguardo della semplificazione del trattamento”.
Atripla è già disponibile negli Stati Uniti dove ha riscontrato un grande successo tra medici e pazienti. Con l’approvazione della Commissione Europea, potrà ora essere messo a disposizione dei pazienti europei. In Italia bisognerà attendere ancora qualche mese perché sia completato l’iter di rimborsabilità di questa terapia.
TORNA INDIETRO