domenica, 19 settembre 2021
Medinews
14 Dicembre 2005

SPECIALE CONGRESSO SICLA TAVOLA DI NATALE “IMBANDITA” DAI CARDIOLOGI. IN UN LIBRO 133 RICETTE TIPICHE FIRMATE SIC

sez,443

Edito dall’Ansa, il libro sarà disponibile da Gennaio in libreria. Il direttore Magnaschi: “Ci occupiamo sempre più di salute. Pubblicarlo ci è sembrato un dovere istituzionale”

Scarica la cartella stampa



Roma, 13 dicembre 2005 – Via libera agli aperitivi, a piatti gustosi e anche al dolce. Dai cardiologi riuniti dal 9 al 13 dicembre a Roma al congresso della Società Italiana di Cardiologia, arriva finalmente una notizia confortante per tutti coloro che amano la buona tavola ma sono costretti, per problemi cardiaci, a stare attenti a colesterolo e pressione arteriosa. Nel primo libro di cucina firmato SIC, “La cucina salva cuore” (edizioni Ansa), scritto dal prof. Roberto Ferrari, direttore della cattedra di Cardiologia dell’Università di Ferrara, e dalla moglie Claudia Florio, regista cinematografica, vengono presentate 133 ricette per mantenere cuore e arterie in salute, senza rinunciare al palato. E così il prossimo 25 dicembre sarà possibile per tutti gustare un vero pranzo di Natale, dall’antipasto al dolce, il tutto innaffiato da un buon bicchiere di vino bianco. Un esempio: antipasto di salmone, crema di piselli e moscardini, pollo al melograno e una fetta di un tipico dolce delle feste, la pavlova. “La cucina salva cuore” offre proposte concrete e gustose per un’alimentazione corretta che prevenga aterosclerosi, ipertensione, infarto e ictus. “Le ricette illustrate – spiega il prof. Roberto Ferrari – sono facili da preparare e tutte a prova di cardiologo”.

Il libro raccoglie ricette che fanno parte della tradizione culinaria italiana, in cui gli ingredienti più “pericolosi” sono stati sostituiti da alimenti contenenti meno colesterolo. “Un tipico esempio – prosegue Ferrari – è costituito dalla pizza, uno dei piatti più amati al mondo. Non è assolutamente necessario rinunciarvi, bastano solo pochi accorgimenti, in particolare togliere un po’ di mozzarella e aggiungere più pomodori. O meglio ancora optare per la pizza marinara, magari con l’aggiunta di verdure”.
Anche gli aperitivi, che fino a ieri erano considerati off-limits, non sono più da bandire. “Ricette come mele e speck, le barchette di sedano o i ceci al forno al posto delle noccioline – aggiunge Ferrari – permettono di preparare un appetizer di tutto rispetto”. E ancora: si può anche preparare una salsa besciamella anticolesterolo, sostituendo il burro con latte magro o di soia. Il colesterolo resta a zero senza che la ricetta perda niente in sapore”.
“La cucina salva cuore ” apre spiragli di speranza anche ai più golosi. Un’intera sezione è dedicata ai dolci: sono presentate ricette come le meringhe e gli spumini o lo strudel di mele. L’importante è privilegiare le preparazioni casalinghe, utilizzando grassi non saturi, sostituendo nelle ricette le farine bianche con quelle integrali, riducendo lo zucchero e sostituendo la panna con lo yogurt o il formaggio magro.
Ma il volume contiene altre informazioni preziose, risposte ad alcuni quesiti. Ad esempio i grassi non devono essere eliminati del tutto, perché forniscono la maggior parte dell’energia per sopravvivere. Il pesce “grasso” non fa male; è vero che i crostacei contengono colesterolo ma di un tipo poco assorbibile: sono comunque da preferire il granchio agli scampi e ai gamberi perché contiene gli omega 3 che prevengono l’aterosclerosi.
Ma perché – si chiederà qualcuno – l’Ansa ha deciso di pubblicare e diffondere nelle librerie questo volume? “Per un semplice motivo, spiega il direttore dell’Ansa, Pierluigi Magnaschi: i cittadini sembrano avere ancora una scarsa percezione, rispetto ad altre malattie, della gravità del rischio cui li espongono abitudini alimentari scorrette, pressione arteriosa elevata, fumo di tabacco. La cucina del cuore costituisce un prezioso strumento scritto per tutti dai cardiologi, impegnati in prima linea contro uno dei mali della Società del benessere e della troppa opulenza. Ed era dovere istituzionale di un’agenzia di stampa come l’Ansa, che dedica gran spazio alle notizie di salute e medicina, pubblicare e diffondere un libro simile, nella speranza che ciascuno di noi, senza troppe rinunce, possa mantenere un buono stato di salute”.
TORNA INDIETRO