giovedì, 23 maggio 2024
Medinews
6 Marzo 2006

REGINA ELENA CAPOFILA CONTRO IL TUMORE DEL POLMONE: SCREENING SALVAVITA NEL 92% DEI CASI, AL VIA ALTRI 2 STUDI

sez,455

Scarica la cartella stampa



Roma, 2 marzo 2006 – Il 92% dei pazienti può essere ‘salvato’ da un carcinoma polmonare. A fare la differenza tra una concreta aspettativa di vita a cinque anni e una prognosi infausta bastano 15-20 secondi. E’ il tempo che serve per una TAC spirale a basse dosi, metodica in grado di evidenziare lesioni di 2/3 millimetri e di permettere quindi un intervento chirurgico tempestivo, l’unico in grado oggi di guarire il malato. Il dato emerge da uno studio prospettico iniziato ormai quattro anni fa all’Istituto Regina Elena di Roma e in cui sono state arruolate 1973 persone considerate ad alto rischio: fumatori o ex fumatori, tra i 55 e i 69 anni, che per 10 anni si sono accesi almeno 20 sigarette al giorno (o 40 per 5 anni) e che non avevano smesso di fumare da oltre un lustro. “Ad oggi – afferma il prof. Francesco Cognetti, direttore scientifico dell’Istituto – sono state studiate 1.132 persone al primo screening annuale e 841 al secondo screening. Complessivamente sono stati rilevati 25 carcinomi non a piccole cellule (NSCLC); 19 dei quali avevano un diametro inferiore ai 2 centimetri e nel 92% (23 su 25) erano resecabili. Di questi, 22 sono stati scovati al primo screening e 3 al secondo”. Risultati importanti, dunque, che dimostrano come la TAC spirale è sicuramente molto più sensibile e accurata della radiografia del torace, con un notevole vantaggio anche di costo beneficio, nell’identificare tumori polmonari di piccole dimensioni aumentando considerevolmente le possibilità di diagnosi precoce e di cura. “Alla radiografia – aggiunge Cognetti – possono infatti sfuggire anche noduli di 2 centimetri se posizionati per esempio dietro una costola o una vertebra. Per avere un ulteriore termine di paragone, nella popolazione normale, al di fuori dello screening, la percentuale di sopravvivenza globale a cinque anni è di circa l’11-14%. Il paziente operato torna a casa nell’arco di due settimane e dopo un mese riprende la vita normale”. Ma la lotta contro il cancro del polmone non si limita allo screening: al Regina Elena, che si pone così come uno dei centri di riferimento italiano per la cura di questa neoplasia, sono al via altri due trial. I risultati dello screening e i dettagli degli altri due studi verranno presentati oggi al Centro Congressi “Bastianelli”, dove dalle 14 è in programma il convegno internazionale: “La chemioterapia del carcinoma del polmone non a piccole cellule ‘Early-Stage’, strategie a confronto”.

Il tumore del polmone rappresenta la prima causa di morte per patologia neoplastica nei Paesi Occidentali. In Italia ogni anno sono stimate tra le 35 e le 40.000 nuove diagnosi con pressoché altrettante morti. Di questi 6.700 sono donne. Nel Lazio gli uomini colpiti sono 2.800 e 700 le donne. Il numero complessivo dei casi è in progressivo aumento, ma i tassi di incidenza e mortalità corretti per l’età mostrano un costante decremento nei maschi e un incremento nelle femmine, dovuto in primo luogo all’abitudine al fumo nel gentil sesso, ma anche ad una maggiore predisposizione all’effetto cancerogeno del tabacco. Fino a non molto tempo fa l’incidenza della neoplasia era maggiore negli uomini con un rapporto maschi – femmine di 5:1; oggi tale rapporto è 2,5:1. “Lo screening portato avanti dal Regina Elena – prosegue il direttore scientifico – è solo una porzione di un grande studio prospettico americano coordinato dall’International Early Lung Cancer Action Project (IELCAP), la più grande organizzazione scientifica che si occupa dello screening del cancro al polmone, diretta dalla prof. Claudia Henschke della Cornell University di New York. L’IELCAP coinvolge 37 Istituzioni in tutto il mondo. Sino ad ora sono stati esaminati 29.393 casi al primo screening con 313 tumori individuati (l’1,2%) e circa 23.743 al secondo (63 tumori diagnosticati, 0,3%). Nell’80% dei casi la neoplasia era al I° stadio e quindi operabile”.
“Il primo dei due trial al via – spiega il prof. Francesco Facciolo, primario della Divisione di Chirurgia Toracica dell’Istituto Regina Elena – è uno studio multicentrico denominato WEG105290-IELCAP (International Early Lung Cancer Action Programm) e coinvolgerà gli stessi pazienti dello screening, a cui verrà somministrato un antiangiogenetico, il pazopanib, nelle 2/3 settimane che separano la diagnosi dall’intervento chirurgico per valutare un’eventuale risposta immediata. Il secondo si chiama “Randomized phase III trial of preoperative versus postoperative chemotherapy with cisplatin and gemcitabine in stage IB-IIIA non small cell lung cancer” e durerà almeno 10 anni. Prevede l’arruolamento di altri 1000 pazienti in tutta Italia, con il coinvolgimento quindi di una ventina di altri centri. In questo caso il protocollo studiato da noi e dall’Istituto Europeo dei Tumori di Milano e che coinvolgerà altri 15-20 centri in tutta Italia, intende valutare l’aumento della sopravvivenza dei pazienti operati attraverso la somministrazione di una chemioterapia a base di cisplatino e gemcitabina prima o dopo il trattamento chirurgico”.
Le evidenze cliniche oggi dicono infatti che sottoporre il malato ad una chemioterapia dopo l’intervento migliora, seppur di poco, la sopravvivenza. In questo studio, per la prima volta, verrà utilizzato lo schema più comunemente utilizzato in Europa per le forme avanzate e che probabilmente ha il miglior indice efficacia-effetti collaterali. “Lo studio – prosegue il prof. Facciolo – è stato concepito appositamente con un numero di pazienti sufficiente per stabilire se c’è una differenza del in termini di sopravvivenza tra un braccio e l’altro”.
Un altro aspetto di grande importanza di questo studio è l’analisi di marcatori genetici e molecolari che consentano di individualizzare la terapia in base alle caratteristiche genetiche di ogni singolo paziente. “Con questo studio – afferma il prof. Rafael Rosell, uno dei massimi esperti di farmacogenomica del tumore polmonare – si compie un passo deciso nell’era della medicina molecolare e delle terapie personalizzate. L’ampio reclutamento previsto, infatti, consentirà di creare una banca di tessuti tumorali, nonché di cellule di sangue periferico e siero, unica al mondo. Tali materiali sono di importanza fondamentale per condurre studi che consentano di associare il profilo genetico del singolo paziente e/o delle cellule che compongono la sua neoplasia non solo alla prognosi, ma anche e soprattutto alla risposta al trattamento chemioterapico sia in termini di tossicità che di efficacia”. Una parte importante dello studio di chemioterapia pre- verso post-operatoria sarà infatti la caratterizzazione farmacogenomica di tutti i pazienti, sia per quanto riguarda marcatori genetici già noti (quali ERCC1 e RRM1, che predicono la risposta individuale al cisplatino ed alla gemcitabina), sia per quanto riguarda l’identificazione di nuovi marcatori molecolari. Si può quindi ipotizzare che i risultati di questo studio cambieranno radicalmente l’approccio ai tumori polmonari in fase precoce, consentendo di personalizzare la terapia per ogni singolo paziente, ottimizzando così il rapporto costi (in termini di tossicità)/benefici (in termini di efficacia). Infine l’analisi delle variazioni che la chemioterapia induce nell’assetto genico delle cellule tumorali (resa possibile dalla disponibilità, nel braccio di chemioterapia preoperatoria, di tessuto tumorale prelevato prima e dopo la chemioterapia), potrà portare ad una migliore comprensione dei meccanismi che sottendono la sensibilità (o resistenza) delle cellule tumorali ai farmaci chemioterapici e consentirà di identificare nuovi bersagli molecolari che potranno in futuro essere utilizzati a scopo terapeutico con lo sviluppo di farmaci realmente innovativi.
TORNA INDIETRO