mercoledì, 12 maggio 2021
Medinews
2 Maggio 2014

MONTELLA E BENITEZ: “SOSTENETE LA PREVENZIONE CON UN SMS AL 45594” LA CAMPAGNA “LA LOTTA AL CANCRO NON HA COLORE” SBARCA ALL’OLIMPICO

Roma, 2 maggio 2014 –“Con un piccolo contributo si può fare molto per prevenire e curare i tumori”. Francesco Cognetti, presidente della Fondazione “Insieme contro il Cancro”: “Vogliamo sensibilizzare le fasce più deboli sulla prevenzione”

“Domani sera ci giochiamo un trofeo importante, ma scendiamo in campo anche per sostenere l’iniziativa ‘La lotta al cancro non ha colore’. Mandate anche voi un sms al numero 45594 e date il vostro piccolo, ma importante contributo”. È l’appello di Vincenzo Montella e Rafa Benitez, allenatori di Fiorentina e Napoli, alla vigilia della finale di TIM Cup 2014, in programma domani sera alle 20.30 allo Stadio Olimpico di Roma. La campagna “La lotta al cancro non ha colore”, promossa dalla Fondazione “Insieme contro il cancro” e dall’AIOM (Associazione Italiana di Oncologia Medica), è la prima a livello nazionale dedicata alla prevenzione delle neoplasie nei cittadini più disagiati e negli immigrati che abitano nel nostro Paese. “Meno della metà dei cittadini stranieri chiamati agli esami di screening contro il cancro aderisce a questi programmi – spiega il prof. Francesco Cognetti, Presidente della Fondazione ‘Insieme contro il Cancro’ –, con la conseguenza che arrivano tardi alla diagnosi, quando la malattia diventa difficile da trattare e fanno registrare un maggior numero di decessi. Inoltre gli immigrati, spesso a causa delle barriere linguistiche, ignorano le regole della prevenzione: consumano troppo alcol, fumano, non seguono una dieta corretta e corrono maggiori rischi di sviluppare un tumore”. “Rappresentiamo un esempio per tante persone, soprattutto per i nostri tifosi – continuano i due allenatori –. Questo ruolo ci dà grandi responsabilità. È con grande piacere e onore, quindi, che abbiamo deciso di partecipare a un’iniziativa così importante, che vuole raggiungere e informare tutti, perché anche i più disagiati, come i cittadini immigrati e le fasce più deboli del nostro Paese, possano avere le stesse chance di prevenire e sconfiggere i tumori. In questo senso, il linguaggio universale dello sport permette di oltrepassare le barriere linguistiche e può aiutare la scienza a trasmettere i consigli della prevenzione al maggior numero possibile di persone, in particolare ai giovani che troppo spesso adottano comportamenti a rischio (abitudine al fumo e all’alcol, dieta scorretta e sedentarietà). Sostenete quindi anche voi la Fondazione ‘Insieme contro il cancro’ donando 1 o 2€ al numero 45594, via sms o da telefono fisso, fino al 4 maggio”. Inoltre, grazie alla disponibilità e alla sensibilità delle due squadre, sono state attivate su Ebay le aste con le maglie dei campioni di Fiorentina (Borja Valero, Gonzalo Rodriguez, Alberto Aquilani, David Pizarro, Neto) e Napoli (Gonzalo Higuain, Lorenzo Insigne, Marek Hamsik), oltre a quella con la maglia autografata di Francesco Totti (per tutti i dettagli: www.lalottaalcancrononhacolore.org). “Il ricavato della raccolta fondi sarà utilizzato per numerose iniziative, a partire dalle regioni del Sud Italia, dove, anche fra gli italiani, le percentuali di adesione agli screening sono inferiori rispetto al Settentrione – conclude il prof. Cognetti –: abbiamo già realizzato un sito internet e quattro opuscoli sulla prevenzione (fumo, alcol, alimentazione e screening), tradotti in diverse lingue (inglese, francese, spagnolo, romeno, cinese, arabo), che verranno distribuiti in modo capillare attraverso gli ospedali, le organizzazioni di volontariato e i medici di famiglia della SIMG (Società Italiana di Medicina Generale)”.
TORNA INDIETRO