sabato, 5 dicembre 2020
Medinews
6 Dicembre 2004

IX CONFERENZA NAZIONALE AIOM “CARNE E SIGARETTE MINACCIANO STOMACO E PANCREAS”. IN AUMENTO IN ITALIA I TUMORI GASTROENTERICI

sez,378

Scarica la cartella stampa



Firenze, 2 dicembre 2004– Tra i tumori gastroenterici sono quelli che ancora oggi fanno più paura: le neoplasie del pancreas e dello stomaco colpiscono rispettivamente 8.000 e 17.000 persone ogni anno in Italia, ma quel che preoccupa è il basso tasso di sopravvivenza a cinque anni, che per il carcinoma gastrico è pari al 20-25%, mentre per il pancreas non supera il 5%. L’allarme arriva dai 500 esperti riuniti al Palazzo dei Congressi di Firenze, dove fino a domani è in corso la IX Conferenza Nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica (AIOM). Al centro dell’attenzione alcune novità terapeutiche che sembrano aprire interessanti spiragli anche nella cura di queste neoplasie. “I tumori gastrici – conferma il prof. Francesco Di Costanzo, direttore dell’Oncologia del Careggi e co-presidente della Conferenza insieme al prof. Roberto Labianca, presidente Nazionale AIOM – rappresentano un grosso problema, in particolare in alcune zone del Centro Italia: Toscana, Umbria ed Emilia Romagna su tutte. In queste realtà, i tassi riportati dai Registri Tumori indicano un’incidenza seconda soltanto a quella del Giappone, paese dove si contano il maggior numero di vittime al mondo: 91,6 malati ogni 100.000 abitanti e 44 decessi, sempre ogni 100.000. Per quanto riguarda gli uomini – prosegue Di Costanzo – il Registro di Firenze riporta 58,7 nuovi pazienti ogni 100.000 abitanti, quello di Parma 57,2/100.000 e quello di Forlì-Ravenna 53/100.000. Per avere un termine di paragone i dati più bassi si riscontrano nei Registri di Latina (25,8/100.000) e Ragusa (24,1/100.000). Nelle donne, il dato oscilla fra il 40,3 del Registro dell’Emilia Romagna e il 15,5 di Latina”.
All’origine di questa situazione – secondo gli esperti – ci potrebbero essere cause genetiche ed alimentari. “Nel caso specifico – sostiene il direttore dell’Oncologia del Careggi – mi riferisco all’abitudine in queste aree geografiche, in particolare nella zona appenninica, a consumare carni cotte alla brace. Con questo non voglio dire che non si debba mangiare carne, ma che insieme andrebbero assunti anche vegetali come il cavolfiore, le cavolacee, le carote e le patate che hanno funzioni protettive”.
Ancora più seria la situazione per quanto riguarda il pancreas. “In questo caso – spiega il prof. Labianca – siamo tra l’altro di fronte ad un tumore in aumento e quasi impossibile da prevenire, anche se alcune condizioni sono associate alla malattia in almeno la metà dei casi: ittero (ingiallimento della cute); dolore addominale; perdita di peso. Il fumo di tabacco è senza dubbio il fattore di rischio principale. L’associazione tra sigarette e tumore del pancreas è stata dimostrata da almeno 8 studi prospettici e da numerosi studi di caso-controllo. Il rischio è direttamente proporzionale al numero di sigarette fumate: nei maschi che bruciano 40 ‘bionde’ al giorno la possibilità di ammalarsi è 10 volte superiore rispetto ai non fumatori. La distribuzione geografica del tumore del pancreas e l’osservazione delle abitudini alimentari adottate nelle diverse aree geografiche – dice ancora Labianca – indicano inoltre una correlazione tra questo tumore e un consumo eccessivo di proteine e grassi animali. Non per nulla il Registro Tumori di Firenze evidenzia un’incidenza quasi due volte superiore alle altre aree italiane (795 casi). Il rischio appare invece ridotto con una dieta che prevede l’assunzione di frutta e verdura. Una delle conseguenze di un’alimentazione sbagliata è anche l’aumento di diabetici nella popolazione generale (4 milioni in Italia), destinati a raddoppiare nei prossimi 20 anni. Un evento questo che ci preoccupa non poco, visto che il diabete è uno delle possibili cause del carcinoma pancreatico. Per quanto riguarda i fattori ambientali, anche se i dati disponibili non ci consentono di tirare conclusioni univoche, alcuni studi hanno indicato che i lavoratori chimici, quelli impiegati nel campo della lavorazione del carbone, dei gas, dei metalli, dei pellami, dei tessuti e dell’alluminio sono maggiormente esposti al rischio. Il Registro Tumori di Venezia, che comprende l’area industriale di Marghera, con 1350 casi mostra l’incidenza più alta di tutta la Penisola”.
Poco praticabile la prevenzione, almeno per quanto riguarda il pancreas, le armi a disposizione degli oncologi sono di tipo clinico: oltre alla chirurgia, alla chemioterapia e alla radioterapia, i farmaci biologici a bersaglio molecolare sono quelli su cui si fondano le maggiori speranze. “Durante il Congresso – rende noto Di Costanzo – verranno analizzati alcuni aspetti riguardanti le tecniche chirurgiche di linfoadenectomia, di particolare rilevanza per la corretta stadiazione e terapia del tumore gastrico. I dati pubblicati sul New England Journal dal prof. Mac Donald dimostrano come l’Italia sia all’avanguardia in questo tipo di intervento, davanti anche agli Stati Uniti. Nella stessa sessione si parlerà della chemioterapia neoadiuvante, molto importante per i pazienti con carcinoma gastrico avanzato, perché riesce a ridurre il tumore e rende operabili anche quei malati altrimenti inoperabili. Per la cura del tumore gastrico avanzato metastatico – conclude Di Costanzo – sono allo studio nuovi farmaci, in particolare con azione a livello biomolecolare, ad esempio il Cetuximab. La terapia di supporto nella malattia avanzata, infine, è oggi un aspetto non secondario, in quanto permette di ottenere un notevole miglioramento della qualità di vita e dei sintomi”.
“Attualmente solo il 10-20% dei tumori del pancreas è operabile – commenta Labianca – Negli altri casi può essere somministrata una chemio-radioterapia, che consente in un certo numero di pazienti un buon controllo della malattia. Abbiamo però visto come la chemioterapia sia importante anche dopo una resezione chirurgica apparentemente radicale: lo studio ESPAC, a cui hanno partecipato anche centri italiani, pubblicato quest’anno su Lancet, ha dimostrato un miglioramento nella prognosi a distanza dei pazienti operati grazie alla chemioterapia adiuvante. Un altro studio, firmato dal gruppo italiano GISCAD in collaborazione con alcuni centri francesi e presentato all’ultimo congresso americano (ASCO), ha proposto all’attenzione risultati interessanti nella fase avanzata di malattia, con un’associazione di farmaci (gemcitabina e oxaliplatino). Per quanto riguarda il futuro, sono in corso studi per valutare le risposte ai farmaci innovativi, come il cetuximab e il bevacizumab”.
TORNA INDIETRO