mercoledì, 4 agosto 2021
Medinews
10 Marzo 2005

FERRARA, ALL’OSPEDALE S. ANNA UN CINEMA NEL REPARTO DI CARDIOLOGIA

Ferrara, 10 marzo – “Dopo cena tutti al cinema!”: è il nuovo slogan coniato per i ricoverati del reparto di Cardiologia dell’Azienda Ospedaliera Universitaria di Ferrara. Da lunedì 14, infatti, verrà inaugurato all’Ospedale S. Anna il “Cinema del Cuore”, con una rassegna cinematografica per i pazienti di cardiologia. Il primo film in programma è “Bagdad Cafè” di Percy Adlon. Così, per tutte le sere della settimana, dalle 19.00 alle 21.00, e nei pomeriggi del fine settimana, dalle 15.00 alle 17.00 sarà possibile passare un paio d’ore in allegria. La proiezione avverrà nella sala biblioteca, che può garantire una capienza di 30 posti ed è fornita di una attrezzatura audiovisiva di ottima qualità in grado di proiettare le pellicole su uno schermo panoramico i film.

“La nostra biblioteca – spiega il prof. Roberto Ferrari, Direttore della Cattedra di Cardiologia dell’Ospedale di S. Anna dell’Università di Ferrara – viene utilizzata tutte le mattine dai medici e dagli specializzandi per visionare coronarografie, ecocardiogrammi e angioplastiche. È un momento di incontro e di didattica tra colleghi e studenti ed è qui che decidiamo la terapia migliore da somministrare ai pazienti in cura nel nostro reparto. Questa sala resta però vuota nel pomeriggio. Perché allora non utilizzarla anche in modo diverso?”.
La soluzione è stata presto trovata, anche perché la biblioteca si trova sullo stesso piano del reparto è quindi facilmente accessibile ai pazienti che non devono fare sforzi per raggiungerla. “Per questo – spiega il prof. Ferrari – abbiamo pensato di trasformarla in sala cinematografica. Grazie al “Cinema del Cuore” ora i pazienti avranno un servizio che può migliorare la qualità di vita durante il ricovero e ‘umanizzare’ il reparto”.
L’iniziativa si aggiunge anche ad altre già attive. Oggi il paziente all’arrivo trova nella sua stanza un lettera di accoglienza sull’attività di diagnosi e terapia delle malattie cardiovascolari svolta nell’Ospedale, un libro di ricette (‘La cucina del cuore’) e una rivista mensile “Cuore e dintorni” in cui si spiega che cosa sono le malattie cardiovascolari, come funziona il cuore e quali sono i consigli utili da seguire.
“Tutte queste iniziative – conclude il prof. Ferrari – sono fondamentali per i cardiopatici, per i loro familiari, per gli amici e per tutti coloro che dimostrano interesse in materia di cuore e che a volte non hanno strumenti per capire la loro malattia. Allo stesso tempo vogliamo rendere il più possibile gradevole il soggiorno in ospedale utilizzando al meglio le strutture che abbiamo”.
Giuliano D’Ambrosio
TORNA INDIETRO