domenica, 29 novembre 2020
Medinews
21 Febbraio 2007

EPATITE B CRONICA: NUOVA TERAPIA DISPONIBILE ORA ANCHE IN ITALIA

sez,496

Entecavir ha dimostrato di poter sopprimere la replicazione del virus. L’antivirale, disponibile in classe H, arriva nel nostro Paese dopo il via libera dell’AIFA

Scarica la cartella stampa



Roma, 21 febbraio 2007 – Via libera dell’Agenzia Italiana del Farmaco (AIFA) per entecavir, nuovo trattamento orale contro l’infezione cronica da virus dell’epatite B, ora disponibile anche in Italia. Sviluppato nei laboratori della Bristol-Myers Squibb, entecavir, è il primo farmaco specificamente disegnato per bloccare la replicazione del virus responsabile dell’epatite B (HBV) ed è indicato nei pazienti adulti con epatite B cronica con malattia epatica compensata ed evidenza di replicazione virale attiva, persistente aumento dei livelli di aminotrasferasi nel sangue e malattia epatica istologicamente attiva. Entecavir ha un basso rischio di sviluppare resistenza. Sono necessarie almeno tre mutazioni differenti per generare un ceppo virale resistente ad entecavir: si tratta pertanto di un farmaco ad “alta barriera genetica”. Anche la comunità scientifica italiana e i pazienti dispongono ora di un nuovo potente farmaco per trattare l’epatite B cronica e abbassare la carica virale a livelli non rilevabili. Entecavir è reso disponibile attraverso il Servizio Sanitario Nazionale in classe H.

L’infezione cronica da epatite B è una minaccia potenziale per la vita dei pazienti e costituisce un serio problema di salute pubblica in tutto il mondo. In Italia, circa 900.000 persone sono contagiate dal virus dell’epatite B e quasi un terzo degli infetti risulta aver sviluppato la malattia cronica. In tutto il mondo sono più di 2 miliardi le persone contagiate e 350-400 milioni in forma cronica. L’epatite B è la decima causa di morte in tutto il mondo, con 1,2 milioni di decessi l’anno, e l’infezione cronica da epatite B è la causa principale del carcinoma epatocellulare, una forma di cancro del fegato. Il virus dell’epatite B è 100 volte più contagioso di quello dell’HIV, che causa l’Aids. La misurazione della quantità di virus dell’epatite B nel sangue, detta ‘carica virale’, può essere un modo significativo per prevedere la progressione verso malattie epatiche importanti quali il cancro del fegato. L’infezione cronica è considerata fattore responsabile dell’80% dei casi di cancro del fegato al mondo.
TORNA INDIETRO