Medinews
30 Ottobre 2003

COLON RETTO, PIU’ EFFICACE LA NUOVA TERAPIA ORALE. MENO RICOVERI E MIGLIOR QUALITA’ DI VITA PER I PAZIENTI

Studio dell’Istituto Nazionale dei Tumori presentato al V Congresso AIOM

Roma 22 ottobre 2003– Niente più ricoveri frequenti in ospedale e cicli di cura debilitanti, applicazione chirurgica di cateteri venosi e uso di dispositivi di infusione. Anche per i malati di tumore del colon avanzato è ora disponibile una nuova chemioterapia orale, la capecitabina, che non solo ha evidenziato in diversi studi clinici un’efficacia maggiore rispetto a quella standard con 5-fluorouracile (massa tumorale ridotta del 26% rispetto al 17% e stabilizzazione della malattia nel 48% dei casi) ma ha il vantaggio di poter essere assunta dal malato al proprio domicilio, con un comprensibile ed oggettivo miglioramento della sua qualità di vita. La cura – che prevede l’assunzione di capecitabina due volte al giorno in cili trisettimanali ha inoltre mostrato minori effetti collaterali, in particolare sono diminuiti sensibilmente la perdita di capelli, gli episodi di diarrea e le stomatiti. Ma ottimi risultati sono stati ottenuti anche in caso di combinazione della capecitabina con altri farmaci: l’irinotecan e l’oxaliplatino. Questi importanti progressi nel trattamento del tumore del colon in fase metastatica, sono stati illustrati dal prof. Emilio Bajetta, direttore del dipartimento di oncologia medica dell’Istituto Nazionale Tumori di Milano, al V Congresso Nazionale dell’Associazione Italiana di Oncologia Medica in corso a Roma.

A supporto dell’efficacia della capecitabina sono stati presentati i risultati di due studi. Il primo, multicentrico di fase III, è stato condotto su 602 pazienti in 59 centri in Europa, Israele, Australia, Nuova Zelanda e Taiwan e ha messo a confronto la capecitabina e l’associazione 5-fluorouracile/leucovorin (5-FU/LV). “In questo caso – ha illustrato il prof. Bajetta – il numero di incontri con il medico per la somministrazione dei farmaci è risultato estremamente ridotto per i pazienti in cura con capecitabina rispetto a quelli in terapia con 5-FU/LV (2.109 contro 7.625: -72%). Questa differenza è in gran parte legata al fatto che i pazienti del gruppo 5-FU/LV erano costretti a recarsi in ospedale per ogni somministrazione, cioè 5 volte nell’arco di 28 giorni. Nell’87,8% dei casi la permanenza in ospedale era inferiore alle due ore, ma il 5,5% dei malati in terapia combinata è stato costretto a passare la notte in reparto, evento mai verificatosi invece tra i pazienti trattati con capecitabina”.
Interessante anche il dato riguardante gli effetti collaterali. “Grazie alla migliore tollerabilità del farmaco – prosegue l’oncologo – solo l’11,8% dei pazienti trattati con capecitabina è stato ricoverato per le conseguenze della chemio, contro il 15,7% del gruppo di controllo: i giorni complessivi di ricovero sono stati comunque inferiori del 30%”. Al miglioramento della qualità di vita del malato, va aggiunto inoltre un notevole risparmio per le casse della sanità pubblica ed un positivo impatto anche sui costi sociali che sono a carico del paziente e dei suoi famigliari.
Come detto, la molecola ha dato risultati sia in monoterapia che in combinazione. In uno studio randomizzato di fase II, condotto proprio dall’Istituto dei Tumori di Milano (145 i pazienti coinvolti, suddivisi in due gruppi) è stata presa in esame la combinazione tra capecitabina e irinotecan. “Le evidenze degli studi preclinici – spiega il prof. Bajetta – autorizzavano a ipotizzare un effetto sinergico tra le molecole se somministrate insieme. A tutti i pazienti sono stati quindi dati entrambi i farmaci, a due posologie diverse. Al termine di tre cicli di trattamento, il 51% di un gruppo e il 45% dell’altro ha fatto registrare la scomparsa o una riduzione significativa del volume della massa tumorali. Non sono ancora disponibili i dati sulla sopravvivenza”.
Il cancro del colon retto è la terza neoplasia più diffusa nella popolazione italiana e colpisce prevalentemente persone sopra i 50 anni. Nel nostro Paese sono colpite ogni anno 35 mila persone. In assenza di fattori di rischio specifici – una dieta ricca di grassi e povera di fibre è considerata predisponente così come chi ha parenti di primo grado affetti da questo tumore ha una percentuale molto più alta di sviluppare la stessa malattia – la probabilità che una persona sviluppi il tumore a 50 anni è una su 800, a 60 anni è una su 650. “Come per altri tipi di tumore – spiega il prof. Bajetta, – anche per la neoplasia del colon-retto la percentuale di sopravvivenza è strettamente correlata allo stadio di avanzamento della malattia al momento della diagnosi. Oggi, grazie alla prevenzione, ad una maggiore attenzione da parte dei cittadini e alla diffusione degli screening, nell’80% dei casi il cancro viene scoperto in tempo e il paziente guarisce. Per il restante 20% la percentuale di sopravvivenza si riduce fino al 6%”.
La capecitabina è stato il primo farmaco orale introdotto in Italia per trattare il paziente con carcinoma del colon-retto metastatico, ma è approvato in Italia anche per l’impiego nel carcinoma della mammella, che risponda a questi requisiti.
TORNA INDIETRO