venerdì, 21 giugno 2024
Medinews
7 Giugno 2024

CARCINOMA POLMONARE NON A PICCOLE CELLULE LOCALMENTE AVANZATO O METASTATICO CON MUTAZIONE KRASG12C: ADAGRASIB HA DIMOSTRATO UN MIGLIORAMENTO STATISTICAMENTE SIGNIFICATIVO DELLA SOPRAVVIVENZA LIBERA DA PROGRESSIONE IN PAZIENTI PRETRATTATI

La prima presentazione dei dati dello studio di Fase 3 KRYSTAL-12 ha mostrato un miglioramento statisticamente significativo e clinicamente rilevante della sopravvivenza libera da progressione con adagrasib rispetto alla chemioterapia standard di trattamento

I dati late-breaking sono stati oggetto di una presentazione orale al congresso annuale 2024 dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO)

(Roma, 7 giugno 2024) – Bristol Myers Squib ha annunciato oggi i risultati dello studio di Fase 3 KRYSTAL-12 per la valutazione di adagrasib rispetto alla chemioterapia standard di trattamento nei pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule (NSCLC) localmente avanzato o metastatico con mutazione KRASG12C precedentemente trattati con chemioterapia a base di platino, concomitante o sequenziale con la terapia anti-PD-(L)1. Al follow-up mediano di 9,4 mesi, adagrasib ha dimostrato un miglioramento statisticamente significativo e clinicamente rilevante di sopravvivenza libera da progressione (PFS), endpoint primario dello studio, come stabilito dalla Revisione Centrale Indipendente in Cieco (Blinded Independent Central Review – BICR) rispetto a docetaxel (HR: 0,58; [95% CI, 0,45-0,76]; P <0,0001). La PFS mediana è risultata di 5,5 mesi con adagrasib rispetto a 3,8 mesi con docetaxel. Il tasso di risposta globale (ORR) valutato dal BICR è stato significativamente maggiore con adagrasib rispetto a docetaxel (32% vs 9%; odds ratio, 4,68; P < 0,0001). La durata media della risposta (mDOR) è stata di 8,31 mesi (95% CI, 6,05–10,35) rispetto a 5,36 mesi (95% CI, 2,86–8,54), rispettivamente.

Adagrasib ha dimostrato risposta intracranica nei pazienti con metastasi al sistema nervoso centrale (SNC) al basale, con un tasso di risposta valutato dal BICR più del doppio di quello osservato con docetaxel (24% con adagrasib rispetto a 11% con docetaxel).

Lo studio KRYSTAL-12 è tuttora in corso per valutare il principale endpoint secondario di sopravvivenza globale.

Non sono stati indentificati nuovi segnali con adagrasib e i dati di sicurezza sono risultati coerenti con il profilo di sicurezza già noto. Gli eventi avversi correlati al trattamento (TRAEs) di ogni grado sono stati riportati nel 94% dei pazienti trattati con adagrasib e nell’86,4% con docetaxel. I TRAEs di Grado ≥3 si sono verificati nel 47% e 46% dei pazienti, rispettivamente.

Questi dati sono stati illustrati in una presentazione orale late-breaking al congresso annuale 2024 dell’American Society of Clinical Oncology (ASCO) in data 1 giugno alle 1:27 p.m. CDT (Abstract LBA8509).

“Circa il 14% di tutti i pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule avanzato mostra la mutazione KRASG12C, colpendo migliaia di persone in tutto il mondo”, afferma Tony Mok, M.D., Direttore del Dipartimento di Oncologia Clinica e Li Shu Fan Medical Foundation Professore di Oncologia Clinica alla Facoltà di Medicina della The Chinese University of Hong Kong (CU Medicine). “I risultati dello studio di fase 3 KRYSTAL-12 rafforzano il ruolo di adagrasib come opzione target per i pazienti con il carcinoma polmonare positivo alla mutazione di KRASG12C dopo il fallimento del trattamento standard di prima linea”.

“L’approvazione accelerata di adagrasib nel 2022 da parte della FDA è stata un’ottima notizia per i pazienti con carcinoma polmonare non a piccole cellule localmente avanzato o metastatico con mutazione KRASG12C. Questi risultati di conferma supportano ulteriormente adagrasib come opzione terapeutica target efficace per questi pazienti”, dichiara Abderrahim Oukessou, M.D., Vicepresidente, global program lead, adagrasib, Bristol Myers Squibb. “Siamo impazienti di condividere questi risultati, mentre prosegue la valutazione di adagrasib in altri tumori solidi avanzati con mutazione KRASG12C”.

Oltre a NSCLC con mutazione KRASG12C, adagrasib e le combinazioni con adagrasib hanno mostrato un incoraggiante beneficio significativo negli studi di Fase 2 in numerosi tumori, tra cui il tumore del colon-retto avanzato, il tumore del pancreas e altri tumori solidi.

Bristol Myers Squibb ringrazia i pazienti e gli investigatori coinvolti nello studio clinico KRYSTAL-12.

Lo studio è stato finanziato da Mirati Therapeutics, Inc., una consociata di Bristol Myers Squibb.

 

TORNA INDIETRO