Siete qui:

Contenuto

47 - “ANCORA TROPPO POCHE LE CURE PALLIATIVE A CASA”
I MEDICI DI FAMIGLIA: “SIAMO PRONTI A FARE LA NOSTRA PARTE”
Milano, 3 dicembre

Ogni anno in Italia circa 300.000 persone trascorrono gli ultimi mesi della propria vita avendo bisogno di un programma di cure palliative. Di queste però solo circa il 20% può godere dell’assistenza domiciliare, il restante 80% trascorre gli ultimi giorni di esistenza in un hospice, in un reparto ospedaliero o a domicilio con poca o nessuna assistenza. Una situazione che in realtà dovrebbe essere ribaltata, per garantire una migliore qualità di vita e anche un risparmio al sistema sanitario. Ma qual è fotografia della situazione oggi in Italia? Quali sono i modelli da adottare? Per la prima volta in Italia, i medici di famiglia hanno condotto uno studio per fotografare la reale situazione esistente nel nostro Paese e identificare percorsi e soluzioni convincenti. Il medico di medicina generale, grazie alla continuità del rapporto con i pazienti, rappresenta, infatti, il vero punto di riferimento anche in questi momenti di grande sofferenza. Ma, come evidenziato dall’indagine, non vuole essere lasciato solo: ha bisogno del sostegno di un’equipe formata dall’infermiere e dal medico palliativista. La ricerca è parte di un progetto nazionale che ha coinvolto due società scientifiche, la SIMG (Società Italiana di Medicina Generale) e la SICP (Società Italiana Cure Palliative).

Scarica la cartella stampa:

Anteprima News

18/07/19

Ipertensione: semplificare la terapia favorisce l’aderenza e il controllo della pressione

I risultati dello studio Senior Italia FederAnziani presentati al Ministero della Salute

Roma, 18 luglio 2019 – Senior Italia FederAnziani ha monitorato oltre 12.000 anziani attraverso un controllo costante della pressione, costruendo un vero e proprio diario dell’iperteso. Allo studio ha…
11/07/19

I PEDIATRI DI FAMIGLIA FIMP AL MINISTRO DELLA SALUTE GIULIA GRILLO
“NEI NOSTRI STUDI SERVONO PIU’ COLLABORATORI E STRUMENTI DIAGNOSTICI”

Il Presidente Paolo Biasci: “Così possiamo favorire l’appropriatezza prescrittiva, ridurre le ospedalizzazioni e determinare importanti risparmi all’intero sistema sanitario nazionale. Rapporto di fiducia con le famiglie elemento di forza dell’assistenza pediatrica grazie al rapporto convenzionale”

Roma, 11 luglio 2019 – “Bisogna garantire su tutto il territorio nazionale studi di pediatri di famiglia dotati di personale qualificato e di attrezzature diagnostiche a risposta rapida (o self-help).…
28/06/19

I FIMP: “CONDIVIDIAMO LE PROTESTE DEL MINISTRO GRILLO CONTRO CHI VUOLE METTERE IN DUBBIO IL VALORE DELLE VACCINAZIONI”

Roma, 27 giugno 2019 - “Facciamo nostre le parole del Ministro della Salute Giulia Grillo, parole che devono far molto riflettere su quanto sta avvenendo nel nostro Paese rispetto ad una questione,…
26/06/19

DEDALUS ACQUISISCE IL 60% DI SOFTECH, ECCELLENZA NELLE
SOLUZIONI INFORMATICHE SOCIO-SANITARIE
ORA POSSIBILE OTTIMIZZARE RISORSE DISPONIBILI E OFFERTA DI QUALITÀ PER IL PAZIENTE IN TUTTO IL PERCORSO CLINICO-ASSISTENZIALE

In arrivo un’offerta integrata per medici di famiglia, servizi territoriali e ospedalieri con i servizi sociali, grazie al D-Four, piattaforma tecnologica di ultima generazione.

Firenze, 26 giugno 2019 – Dedalus ha acquisito il 60% della società Softech di Bologna, leader nel segmento delle soluzioni socio-sanitarie. L’ingresso di Softech completa la strategia globale di…
24/06/19

Senior Italia e Sumai lanciano allarme su difficoltà degli anziani a curarsi: subito un Tavolo con pazienti, società scientifiche e istituzioni

Roma, 24 giugno 2019 – “Serve un tavolo di confronto urgente sul diritto alla salute e alle cure per gli over 65 che veda coinvolti pazienti, istituzioni e mondo medico-scientifico, perché oggi in…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522