giovedì, 11 febbraio 2016

Contenuto

17 maggio 2002

SPECT: CHE COS’È E COME FUNZIONA

È un esame in cui una piccola ed innocua quantità di radioattività che, attraverso l’esame del funzionamento di determinati organi, fornisce immagini in grado di consentire al medico di diagnosticare correttamente lo stato di salute del paziente.

SPECT significa tomografia ad emissione di singolo fotone. Al di là dei concetti teorici che sono alla base di questo esame è importante conoscere quali dati permette di ottenere.
A seconda delle sostanze utilizzate possiamo avere informazioni:

Ø sul metabolismo legato al flusso sanguigno (Spect flusso)
Ø sul percorso della dopamina qualora utilizziamo un suo analogo
· fluorodopa nella Pet, che si correla bene con il numero di cellule della sostanza nera e con i livelli di dopamina striatale
· Ioflupane nella SPECT, sostanza che si lega ai trasportatori della levodopa

Il grado di radioattività nelle strutture del cervello interessate dalla malattia viene registrato su una pellicola e presentato come variazione di colore: più è presente attività, più è chiaro il colore. Questa tecnica riveste un ruolo molto importante sia per quanto riguarda la diagnosi che per la valutazione dell’evoluzione di malattia. È di istituzione relativamente recente e probabilmente avrà ulteriori sviluppi e utilizzi.


LE 8 DOMANDE PIÙ FREQUENTI SU SPECT


1. Come si pratica?
Il farmaco è iniettato in una vena del braccio, poi si aspetta un tempo variabile a seconda dell'esame. Durante l'esecuzione dell'esame la posizione del paziente può essere distesa o seduta. La gammacamera, l'apparecchio con il quale si esegue l'esame, sarà posto vicino al paziente. Non c'è alcun problema per le persone che soffrono di claustrofobia.

2. E' necessaria una preparazione particolare prima dell'esame?
Generalmente non è necessaria nessuna preparazione; viene consigliato un digiuno di circa 2/4 ore prima dell’inizio dell’indagine.

3. Cosa avviene dopo la somministrazione del farmaco radioattivo?
Il tempo di attesa dopo la somministrazione dipende dall'esame; per esami dinamici si può iniziare subito, per altri esami, come ad esempio la tomoscintigrafia cerebrale con il nuovo radiofarmaco Ioflupane, è necessario aspettare circa 3 ore. Le scintigrafie con Iodio 131 richiedono che il paziente ritorni dopo alcuni giorni.

4. Le radiazioni sono pericolose?
La dose assorbita relativa agli esami di medicina nucleare è bassa, paragonabile o inferiore a un esame radiografico.

5. Si può fare in gravidanza? E durante l’allattamento?
Bisogna informare il medico, prima della somministrazione del farmaco, della gravidanza in corso o presunta. E' infatti necessario prendere ogni precauzione e discutere con lo specialista della effettiva necessità dell'esame. Alcune sostanze radioattive possono passare nel latte materno. E' opportuno informare il medico nucleare che valuterà se interrompere l'allattamento e per quanti giorni o se è il caso di rimandare l'esame.

6. L’esame può essere praticato ai bambini?
Sì, la quantità di farmaco è proporzionata al peso.

7. Cosa è necessario fare dopo l'esame?
Si può mangiare normalmente; è consigliabile bere più del solito in modo da liberarsi prima dalle sostanze iniettate.

8. E' possibile tornare al lavoro dopo l'esame?
Si, non vi è nessuna controindicazione.

Anteprima News

02/02/16

I MEDICI DI LABORATORIO: "NO AGLI ESAMI INUTILI. COSÌ AVREMO DIAGNOSI PIÙ ACCURATE E RISPARMI"

Milano, 2 febbraio 2016 – Il presidente, prof. Marcello Ciaccio: "Senza le prescrizioni inappropriate potremo ottenere una consistente riduzione della spesa sanitaria". Fondamentale il sostegno dei medici di famiglia

"No agli esami inutili, solo così potremo ottenere una riduzione della spesa sanitaria." La S.I.Bio.C., la più importante Società Scientifica di Medicina di Laboratorio in Italia, si associa…
09/11/15

PROGETTO SAM
PARTONO LE GIORNATE DELLA PREVENZIONE CON VISITE SPECIALISTICHE GRATUITE

Milano, 9 novembre 2015 - Dal 23 al 30 novembre sarà possibile sottoporsi a un controllo in 60 centri sparsi su tutto il territorio nazionale (attivo il numero verde 800.59.83.95). L’iniziativa fa parte di SAM “Salute Al Maschile”, progetto di Fondazione Umberto Veronesi in collaborazione con AURO e SIURO

Uomini italiani bocciati in prevenzione. Otto su 10 non sono mai andati dall’urologo. Il 43% non sa che le malattie sessualmente trasmissibili (MST) si possono prevenire. Solo il 16% usa regolarmente…
23/10/15

TUMORI, ITALIA AL PRIMO POSTO PER GUARIGIONI IN EUROPA
CON L’IMMUNO-ONCOLOGIA NUOVE ARMI CONTRO I BIG KILLER

Roma, 23 ottobre 2015 - Questo approccio innovativo ha già dimostrato di essere efficace nel melanoma e nel carcinoma polmonare. Il presidente Carmine Pinto: “Il livello delle cure nel nostro Paese è alto. Ma i cittadini sono poco informati: per il 54% il cancro è ancora un male incurabile. Sbarchiamo sui social per fare cultura a 360 gradi”

In diciassette anni (1990-2007) i pazienti che hanno sconfitto il cancro nel nostro Paese sono aumentati del 18% (uomini) e del 10% (donne). Percentuali che collocano l’Italia al vertice in Europa per…
19/10/15

I GINECOLOGI: “DIETA SEMPRE PIU’ RILEVANTE PER IL BENESSERE FEMMINILE”

Milano, 19 ottobre - I proff Mauro Busacca, Claudio Crescini, Luigi Fedele e Francesco Raspagliesi (Presidenti del Congresso di Milano): “L’alimentazione corretta è un fattore che dobbiamo monitorare con estrema attenzione nei controlli successivi alla diagnosi delle patologie. Previene inoltre molti disturbi”

“Seguire una dieta equilibrata è sempre più importante per prevenire molte malattie ginecologiche ed ostetriche”. E’ quanto affermano gli specialisti della salute femminile riuniti a Milano per il 90°…
24/09/15

TUMORI, DIMINUISCONO LE NUOVE DIAGNOSI FRA GLI UOMINI
MA IL CANCRO DEL POLMONE È SEMPRE PIÙ ROSA: +36% DI CASI IN 11 ANNI

Roma, 24 settembre - Nel 2015 363.300 persone colpite, per la prima volta calo significativo nei maschi. Il prof. Carmine Pinto (presidente AIOM): “Si riduce la mortalità complessiva grazie a terapie efficaci e agli screening. Serve impegno per la prevenzione: il 23% delle donne ancora fuma”. Il prof. Emanuele Crocetti (segretario AIRTUM): “Nel nostro Paese per molte forme la sopravvivenza è superiore alla media europea”

In diciassette anni (1990-2007) i pazienti che hanno sconfitto il cancro nel nostro Paese sono aumentati del 18% (uomini) e del 10% (donne). Percentuali che collocano l’Italia al vertice in Europa per…

Intermedia s.r.l. - Via Malta, 12/b - 25124 Brescia - Tel. 030 226105 Fax 030 2420472
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522

E-mail: intermedia@intermedianews.it