Contenuto

4 settembre 2019

TUMORE DEL POLMONE: AL FESTIVAL DI VENEZIA PRESENTATO IL FILM DI WALCE
“IL CINEMA PUO’ DIVENTARE UN EFFICACE STRUMENTO CONTRO IL CANCRO”

Si intitola “Roller Coaster - Montagne russe”. È diretto da Manuela Jael Procaccia e le protagoniste sono Eliana Miglio e Chiara Iezzi. La prof.ssa Silvia Novello (presidente di WALCE e co-sceneggiatrice della pellicola): “Grazie al grande schermo possiamo veicolare messaggi positivi alla popolazione”

Venezia, 04 settembre 2019 – La lotta e la prevenzione del tumore del polmone arriva al Festival del Cinema di Venezia. Oggi pomeriggio alla Mostra (ore 16) sarà proiettato il cortometraggio intitolato: “Roller Coaster - Montagne russe”. La storia è basata su casi clinici reali e la regia è affidata alla mano esperta di Manuela Jael Procaccia, mentre la sceneggiatura nasce dalla sua collaborazione con la prof.ssa Silvia Novello (Presidente di WALCE - Women Against Lung Cancer in Europe). Il cast è formato da medici veri e da attori professionisti e le protagoniste sono Eliana Miglio e Chiara Iezzi. La pellicola narra la storia di Luisa e Lea: due donne entrambe affette da un tumore del polmone in stadio avanzato. Il loro percorso di cura si snoda in una sfrenata corsa sulle montagne russe, mentre il team di medici discute dei due casi clinici e della terapia in corso.

“Il rapido evolversi dei trattamenti e l’iter diagnostico in continua evoluzione fanno sì che anche il processo formativo del personale sanitario, che deve affrontare il cancro, sia spesso complesso e articolato - afferma la prof.ssa Silvia Novello, Presidente di WALCE Onlus -. Quello che offre la cinematografia è un supporto estremamente utile nel coadiuvare chi fa educazione in ambito sanitario. Allo stesso modo la disseminazione di informazioni importanti può essere ben veicolata dal cinema, senza stravolgerne il senso e i contenuti e facendo capire a tutti concetti altrimenti difficili da far penetrare. Il tumore del polmone risulta in diminuzione per gli uomini mentre fra le donne la situazione diventa ogni anno più preoccupante, perché i nuovi casi e i decessi sono in crescita. Quindi le protagoniste della nostra pellicola non potevano che essere due donne”. “Anche i media sono in costante trasformazione ma il cinema rimane un punto fermo nella trasmissione e condivisione di messaggi - aggiunge Manuela Jael Procaccia, sceneggiatrice e regista del cortometraggio -. Il grande schermo ha un potenziale comunicativo molto efficace e diretto. Da figlia di medici, la medicina mi scorre nelle vene. Ho quindi scelto il cinema per raccontare delle storie. E il cinema può parlare di tematiche legate alla medicina e favorire così la prevenzione di gravi patologie”. “Grazie a questo cortometraggio vogliamo far conoscere qualcosa in più su una malattia ancora oggi stigmatizzata socialmente per via della sua stretta correlazione col fumo - conclude la prof.ssa Novello -. Questo impedisce alle persone di provare quel senso di empatia e solidarietà, che spinge chi ne è affetto a sentirsi solo e colpevolizzato per una condizione che, in realtà, non si è cercata. Raccontare la storia di Luisa e Lea all’interno di un evento come la Mostra del Cinema di Venezia è sicuramente un modo per cercare di educare la popolazione, facendo conoscere meglio alcuni aspetti legati alla malattia, che sono per lo più condivisi solo in ambito medico”.

Anteprima News

20/09/19

Cosa vogliono le donne dagli ospedali in cui sono curate?

Le risposte date da medici e pazienti nell’incontro “L’ospedale che vorrei”

L’Ospedale di Mestre, con il suo Dipartimento Materno-Infantile, si propone come uno dei luoghi chiave del dibattito scientifico sui tumori ginecologici: è proprio all’Angelo che si svolge venerdì 20…
11/09/19

REUMATOLOGIA: AL CONSERVATORIO DUE SERATE A FAVORE DELLA RICERCA

Il 21 e il 28 settembre la Fondazione FIRA ONLUS sarà al Verdi di Milano
per raccogliere fondi per le donne in gravidanza colpite da gravi forme di artriti

Milano, 11 settembre 2019 - Sensibilizzare le persone sulla diagnosi precoce e la cura delle malattie reumatologiche e raccogliere fondi per la ricerca medico scientifica a favore delle donne in…
10/09/19

RIMBORSATO IN ITALIA CABOZANTINIB COMPRESSE PER IL TRATTAMENTO DI PRIMA LINEA DI PAZIENTI ADULTI CON CARCINOMA RENALE AVANZATO A RISCHIO ‘INTERMEDIATE’ O ‘POOR’

Milano (Italia) – In data 5 Settembre 2019, sulla Gazzetta Ufficiale n. 208 - Serie Generale, è stata pubblicata la determina n.1279/2019 di prezzo e rimborso di cabozantinib compresse per il…
07/09/19

A BARCELLONA LA NUOVA TAPPA DI “ESCI DAL TUNNEL. NON BRUCIARTI IL FUTURO”
LA CAMPAGNA DI ONCOLOGI E PNEUMOLOGI CONTRO I DANNI DEL FUMO

E’ promossa da WALCE Onlus. Il 7-8 settembre nella Plaça de la Universitat sarà posizionato un tunnel di 14 metri a forma di sigaretta con un percorso di conoscenza sul tabagismo. La prof.ssa Silvia Novello: “Esportiamo all’estero un progetto educazionale vincente e che ha ottenuto grandi risultati in Italia”

Barcellona, 7 settembre 2019 – Dopo il grande successo registrato in Italia Esci dal Tunnel. Non bruciarti il futuro arriva in una della più importanti città europee. Barcellona ospiterà la nuova…
04/09/19

I pediatri di famiglia: "Buon lavoro al Neo-Ministro Speranza"

Roma, 4 settembre 2019 – “Esprimiamo i nostri più sinceri auguri di buon lavoro al neo Ministro della Salute Roberto Speranza”. E’ quanto dichiara la Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) in…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522