Siete qui:

Contenuto

24 giugno 2019

Senior Italia e Sumai lanciano allarme su difficoltà degli anziani a curarsi: subito un Tavolo con pazienti, società scientifiche e istituzioni

Roma, 24 giugno 2019 – “Serve un tavolo di confronto urgente sul diritto alla salute e alle cure per gli over 65 che veda coinvolti pazienti, istituzioni e mondo medico-scientifico, perché oggi in Italia gli anziani con le loro pensioni non riescono a far fronte a tutto e sempre più spesso sono costretti a rinunciare a curarsi. Per non parlare della prevenzione, che finisce a 60 anni”. Con questo appello Roberto Messina, Presidente Nazionale di Senior Italia FederAnziani e il presidente del SUMAI, Antonio Magi, hanno presentato ufficialmente questa mattina al Presidente della Commissione Igiene e Sanità del Senato Pierpaolo Sileri la proposta di attivare un tavolo che coinvolga SUMAI, le principali società scientifiche, Senior Federanziani, con il presidente Sileri, con il Ministero della Salute, i sottosegretari Coletto e Bartolazzi, per affrontare questi temi non più ineludibili.
“I decisori politici devono capire che oggi gli anziani si trovano sempre più spesso a dover scegliere se curarsi, mangiare o spendere per altre necessità urgenti – dichiarano Messina e Magi - La spesa out of pocket per la salute, ovvero la quota pagata di tasca propria dai cittadini per curarsi, è costantemente aumentata dal 2010 al 2016, fino a sfiorare i 590 euro annui. Un calcolo che non tiene conto, però, delle differenze di età. Gli anziani, infatti, rappresentano oltre il 70% di tutta la spesa e quindi per loro la quota out of pocket supera di almeno 2,5 volte la media pro capite. Il fattore anagrafico, insomma, si aggiunge agli altri elementi che rendono sempre più profondo il divario tra coloro che possono permettersi di pagare per curarsi e quei cinque milioni di italiani, ovvero il 7,8% della popolazione, che invece sono costretti a rinunciarvi. A ciò si aggiunga che le liste di attesa crescono, il numero degli specialisti diminuisce e poter accedere ai piani terapeutici è come vincere un terno al lotto. Bisogna dunque non solo porre in atto correttivi immediati, come il rifinanziamento del fondo per i farmaci oncologici, che ha garantito in questi anni ai medici di poter utilizzare i farmaci innovativi, ma anche mettere in campo azioni strutturali che permettano, per le patologie gravi e invalidanti, di poter accedere, una volta approvate dall’EMA, alle molecole nel più breve tempo possibile anche nel nostro Paese. L’utilizzo dei biosimilari, man mano vengono messi a disposizione, rappresenta un’ottima risorsa, ma, lo ribadiamo, va lasciata al medico l’autonomia decisionale della migliore scelta delle terapie, che non deve avvenire solo ed esclusivamente di base al prezzo del farmaco. Infine si deve intervenire per ridurre la spesa out of pocket. Tutto questo affinché il nostro Paese non perda il primato del Sistema Sanitario migliore, perché basato sull’universalismo.”

Anteprima News

20/09/19

Cosa vogliono le donne dagli ospedali in cui sono curate?

Le risposte date da medici e pazienti nell’incontro “L’ospedale che vorrei”

L’Ospedale di Mestre, con il suo Dipartimento Materno-Infantile, si propone come uno dei luoghi chiave del dibattito scientifico sui tumori ginecologici: è proprio all’Angelo che si svolge venerdì 20…
11/09/19

REUMATOLOGIA: AL CONSERVATORIO DUE SERATE A FAVORE DELLA RICERCA

Il 21 e il 28 settembre la Fondazione FIRA ONLUS sarà al Verdi di Milano
per raccogliere fondi per le donne in gravidanza colpite da gravi forme di artriti

Milano, 11 settembre 2019 - Sensibilizzare le persone sulla diagnosi precoce e la cura delle malattie reumatologiche e raccogliere fondi per la ricerca medico scientifica a favore delle donne in…
10/09/19

RIMBORSATO IN ITALIA CABOZANTINIB COMPRESSE PER IL TRATTAMENTO DI PRIMA LINEA DI PAZIENTI ADULTI CON CARCINOMA RENALE AVANZATO A RISCHIO ‘INTERMEDIATE’ O ‘POOR’

Milano (Italia) – In data 5 Settembre 2019, sulla Gazzetta Ufficiale n. 208 - Serie Generale, è stata pubblicata la determina n.1279/2019 di prezzo e rimborso di cabozantinib compresse per il…
07/09/19

A BARCELLONA LA NUOVA TAPPA DI “ESCI DAL TUNNEL. NON BRUCIARTI IL FUTURO”
LA CAMPAGNA DI ONCOLOGI E PNEUMOLOGI CONTRO I DANNI DEL FUMO

E’ promossa da WALCE Onlus. Il 7-8 settembre nella Plaça de la Universitat sarà posizionato un tunnel di 14 metri a forma di sigaretta con un percorso di conoscenza sul tabagismo. La prof.ssa Silvia Novello: “Esportiamo all’estero un progetto educazionale vincente e che ha ottenuto grandi risultati in Italia”

Barcellona, 7 settembre 2019 – Dopo il grande successo registrato in Italia Esci dal Tunnel. Non bruciarti il futuro arriva in una della più importanti città europee. Barcellona ospiterà la nuova…
04/09/19

I pediatri di famiglia: "Buon lavoro al Neo-Ministro Speranza"

Roma, 4 settembre 2019 – “Esprimiamo i nostri più sinceri auguri di buon lavoro al neo Ministro della Salute Roberto Speranza”. E’ quanto dichiara la Federazione Italiana Medici Pediatri (FIMP) in…

Intermedia s.r.l.
+39 030 226105
intermedia@intermedianews.it
Via Malta, 12/b - 25124 Brescia
Via Ippolito Rosellini 12 - 20124 Milano
Via Monte delle Gioie 1 - 00199 Roma
C.F. e P.Iva 03275150179 - Capitale sociale IV 10.400 Euro - Iscr. Registro Imprese Trib. Brescia n. 54326 - CCIAA di Brescia 351522